Archivo de la categoría: Serena conduce Operaclassica

Serena conduce operaclassica Eco Italiano

 

 

Serena intervista il basso Luigi De Donato

 

 

LUIGI DE DONATO BASS (biografia in italiano)

Luigi De Donato è nato a Cosenza, dove ha compiuto gli studi presso il Conservatorio di Musica ” S. Giacomantonio ”. In seguito ha studiato con Margaret Baker, Gianni Raimondi, Regina Resnik e Bonaldo Giaiotti. Ha vinto numerosi concorsi internazionali di canto ed ha ricevuto il premio per la migliore voce “Basso” nell’ambito del Concorso Internazionale “Francesco Paolo Tosti”. Musicista poliedrico e cantante, ha affrontato diversi repertori, con piena consapevolezza dello stile, da Mozart (Colas da “Bastien und Bastienne” e Figaro da Le Nozze) a Cimarosa (Geronimo da “Il Matrimonio Segreto” ) al Belcanto Italiano (Norton da “La cambiale di Matrimonio”, Don Profondo da “Il Viaggio a Reims”, lo Stabat Mater di Rossini, Donaldo di “Elena e Malvina” di Soliva, Rodolfo da “La Sonnambula”, Dulcamara da “L’Elisir d’Amore”, Prefetto da “Linda di Chamonix” facendo diversi incursioni in Verdi, Bizet, Smetana, Puccini e in particolare nel repertorio del XX secolo (Strawinskij, Weill, Rota..) Interprete sensibile monteverdiano, ha cantato “L’Orfeo” e “ Il ritorno d’Ulisse ” in patria al Teatro Real di Madrid per la produzione di Pier Luigi Pizzi e recentemente è stato ancora Caronte in Orfeo al Teatro alla Scala a Milano sotto la direzione di Rinaldo Alessandrini diretto da Bob Wilson. Luigi De Donato è uno dei maggiori interpreti del repertorio del XVII e XVIII secolo, ha lavorato con importanti direttori d’orchestra e gli ensemble per citarne alcuni: Giovanni Antonini ed Il Giardino Armonico; Alan Curtis ed il Complesso Barocco; Christophe Rousset e Les Talens Lyriques; Eduardo Lopez-Banzo e l’orchestra Al Ayre Espagnol; Alessandro De Marchi e L’Accademia Montis Regalis; William Christie e Les Arts Florissants …è invitato nelle prestigiose sale interazionali, quali: Parigi Théatre des Champs Elysées, Barbican Center di Londra, Teatro Real di Madrid, Salle Pleyel di Parigi, Ambronay , Opéra Royale de Versailles, Teatro Regio di Torino, Concertgebouw di Amsterdam, Aix-en-Provence Festival, Theater an der Wien; Maggio Musicale Fiorentino; La Fenice di Venezia; Rossini Opera Festival … Il suo repertorio spazia dal belcanto al barocco. Di recente ha debuttato Mustafa nell’ Italiana in Algeri all’Opéra di Rennes ed Alidoro in Cenerentola all’Opéra di Rennes nella storica produzione di Jerome Savary! Handeliano, si è distinto nel Tamerlano di Handel (Leone) al Teatro Real di Madrid, sotto la direzione di Paul McCreesh, per la regia di Graham Vick; Serse di Handel (Ariodate) diretto da JC Spinosi, Ensemble Mathaus, al Liceu di Barcellona; Agrippina di Handel Claudio) con la direzione di Eduardo Lopez-Banzo e l’orchestra Al Ayre Espagnol a Madrid, Bruxelles e Parigi, Théatre des Champs Elysées; l’Orlando di Händel (Zoroastro) con JCSpinosi in tour nelle città di Rennes, Brest, Lorient, Versailles; l’Admeto di Handel (Ercole) con Alan Curtis e il suo Complesso Barocco al Festival Opera Rara di Cracovia e al Theater an der Wien. Tra i recenti e prossimi impegni: la Missa Solemnis di Beethoven con Ensemble Mathaus in tournée europea Madrid, Mosca, Barcellona; La Boheme (Colline) all’ Opéra de Lausanne; Orfeo di Rossi al Opéra National de Lorrainecon Raphaël Pichon/JetskeMijnssen; La Gazza Ladra di Rossini (Podesta) a Francoforte; Resurrezione di Handel (Lucifero) sotto la direzione di Diego Fasolis; La Cambiale di Matrimonio (Norton) a Tourcoing ed a Parigi Théâtre des Champs Elysées, l’Orfeo di Monteverdi al Festival di Cremona diretto da Ottavio Dantone; Il Ritorno di Ulisse in Patria allo Staatsoper di Amburgo; Figaro ne Le Nozze di Figaro (Figaro) a Nizza ..

Ultima versione Marzo 2017

Fonte: Allegorica opera management

LUIGI DE DONATO BASS (english version)

Luigi De Donato was born in Cosenza, where he completed his studies at the Music Conservatory ”S. Giacomantonio”. Later he studied with Margaret Baker, Gianni Raimondi, Regina Resnik and Bonaldo Giaiotti. He has won several International Competitions of Singing and received the Award for Best Voice Basso within the International Competition “Francesco Paolo Tosti”. Multi-talented musician and singer, has gone through different repertoires from Mozart (Colas from Bastien und Bastienne, Der Schauspieldirektor (Herr Buff) and Figaro from Le Nozze) to Cimarosa (Geronimo from Il Matrimonio Segreto) to the Belcanto Italiano (Norton from La Cambiale di Matrimonio, Don Profondo from Il Viaggio a Reims, Don Magnifico in La Cenerentola, Stabat Mater of Rossini, Donaldo from Elena e Malvina by Soliva, Rodolfo from La Sonnambula, Dulcamara from L’Elisir d’Amore, Prefetto from Linda di Chamonix and Don Pasquale) making several raids in Verdi, Bizet, Smetana, Puccini and especially in the repertoire of the twentieth century (Strawinskij, Weill, Rota and Dallapiccola). He recently sang at La Scala in Milan Monteverdi’s L’Orfeo (Caronte) and Il Ritorno d’Ulisse in Patria (Tempo and Nettuno) under the direction of Rinaldo Alessandrini driving his Concerto Italiano and directed by Bob Wilson. He has distinguished himself as one of the foremost interpreters of the repertoire of the seventeenth and eighteenth century and he has worked with leading conductors and baroque ensemble: with Giovanni Antonini and Il Giardino Armonico, Handel’s Aci Galatea e Polifemo, under the direction of Christophe Rousset he sang the role of Nettuno from Il Ritorno di Ulisse in Patri.With William Christie and Les Arts Florissants he sang the role of Demonio in Sant’Alessio by Landi, L’Orfeo and Il Ritorno d’Ulisse in Patria at the Madrid’s Teatro Real in the production of Pier Luigi Pizzi, Handel’s Tamerlano (Leone) at the Teatro Real of Madrid under the direction of Paul McCreesh, directed by Graham Vick; The Monteverdi’s Vespers at the Théatre du Châtelet in Paris under the direction of JC Spinosi and the “mise en espace” of Oleg Kulik; Campra’s Le Carnaval de Venise (the Ordonnateur, Pluton and Carnaval) with Hervé Niquet and Le Concert Spirituel etc His recents and forthcoming engagements include: La Cenerentola (Alidoro) at Opéra de Lausanne with S.Ranzani/A. Sinivia; Handel’s Serse (Ariodate) at Madrid, Moscou and Barcelona under the direction of J.C.Spinosi; Rossi’s Orfeo at the Nancy Opéra with Raphaël Pichon and Jetske Mijnssen; Lucifero in Handel’s Resurrezione under the baton of Diego Fasolis,; La Cambiale di Matrimonio in Tourcoing and Paris, Théâtre des Champs Elysées; Monteverdi’s Orfeo in Cremona with Ottavio Dantone; Monteverdi’s Ritorno di Ulisse in Patria at the Staatsoper Hamburg; Rossini’s Italiana in Algeri (Mustafa) in Rennes, Rossini’s Gazza Ladra (Podestà) at the Frankfurt Staatsoper and Figaro in Nozze di Figaro in Nice.…

Last editing March 2017

Fonte: Allegorica opera management

Serena conduce operaclassica Eco Italiano

 

 

Serena intervista il soprano Laura Cherici

 

 

Laura Cherici, soprano

Diplomata in canto, ha studiato all’Istituto Musicale “A.Peri” di Reggio Emilia; nel 2009 ha ricevuto il premio “Gianni Poggi” per il ruolo di Teutile nel Montezuma di Vivaldi.

Inizia giovanissima una brillante carriera debuttando: Der Rosenkavalier di Strauss al Teatro Regio di Torino; Le nozze di Figaro (Susanna) a Roma, Düsseldorf, Strasburgo, Torino, Genova e Verona; Don Giovanni (Zerlina) alla Scala, Bologna, Roma, Torino, Verona e Duisburg; Così fan tutte (Despina) Macerata e Roma; Die Zauberflöte (Pamina/Papagena) a Genova, Catania e Roma; Gianni Schicchi (Lauretta/La Ciesca) a Verona e Torino; Don Pasquale a Strasburgo, Bergamo, Brescia e Cremona; Il Barbiere di Siviglia (Berta) Roma, Maggio Fiorentino, Verona, Liège e Montpellier; Le nozze di Figaro (Marcellina) al Maggio Musicale Fiorentino, La Fenice, Bari e Napoli; Il cappello di paglia di Firenze (Anaide) a Catania e Genova; Il caso Makropulos (Kristina )Torino e Napoli; Ariadne auf Naxos (Naiade) a Genova; La Traviata (Flora) a Palermo; Carmen (Micaela/ Frasquita) ad Alessandria, Torino, Maggio Fiorentino e Macerata; Francesca da Rimini (Samaritana) a Torino; Fedora (Olga) a Trieste; Boris Godunov (Xenia) al Maggio Musicale Fiorentino; La Cenerentola (Clorinda) a Torino; Il matrimonio segreto (Elisetta) a Ravenna e Roma; La Rondine (Lisette) a Roma, Monaco e Sydney; Il ritorno di Ulisse in patria (Melanto) al Maggio Musicale Fiorentino e Atene; L’incoronazione di Poppea (Drusilla) a Firenze e Reklinghausen; Flaminio (Checca) a Napoli, Jesi ed al Festival di Beaune; Dal male il bene a Innsbruck; Ercole su’l Termodonte (Martesia) di Vivaldi Spoleto; Rodrigo (Esilena) di Händel al Lufthansa Festival di Londra; Giove in Argo (Calisto) a Gottingen, Hannover e Halle Motezuma (Teutile) di Vivaldi a Lisbona, Bilbao, Ferrara, Piacenza e Modena; Lo frate ‘nnamorato (Vannella) a Jesi; Ein Sommernachtsträume di Mendelsshon a Verona con Eleonora Abbagnato; L’Orlando paladino di Haydn e La scala di seta al Concergebouw di Amsterdam; The Turn of the Screw (Mrs.Grose) di Britten a Torino.

Ha interpretato molte prime mondiali fra le quali Vite ImmaginarieLa lupaVitaIl gatto con gli stivali e Fedrico II di Tutino; Canzoni d’amore di Ferrero; Amin di D’Amico; Rimini addio! di Boccadoro; La brocca rotta di Testi;La Tempesta di Galante e la prima italiana di A Streetcar named Desire (Stella) di Previn.

Ha collaborato con importanti direttori d’orchestra quali: Accardo, Bartoletti, Biondi, Bolton, Curtis, Clemencic, Dantone, De Marchi, Gatti, Gelmetti, Kuhn, Maag, Mariotti, Mehta, Muti, Noseda, Pinnock, Reck, Rizzi, Webb e registi quali: Brockhaus, Cobelli, De Simone, Gallione, Mariani, Michieletto, Miller, C. Muti, Pier’Alli, Placido, Proietti, Ronconi, Zeffirelli.

Svolge un’intensa attività concertistica che l’ha vista impegnata nell’Oratorio Santa Flavia Domitilla di Caldara in collaborazione con il Rossignolo nella prima esecuzione in tempi moderni; Rocklied (alla ricerca del classico nel Pop) con musiche dei Beatles, A.Lennox, K.Busch, S.Wonder, Al Jarreau; Suono, Sogno, Swing con musiche di Porter e Gershwin in collaborazione con Antonio Ballista; American Weill ed incursioni nel mondo del Musical; Love, Passion and Springtime con Nicola Ventresca.

Ha incisoAlcina (Deutsche Grammophone); Radamisto, Il Giustino (Virgin Classic); Germanico (Sony Deutsche Harmonia Mundi); Gloria di Vivaldi (Stradivarius); Le Nozze di Figaro (Sony Classical); Così fan tutte(Orfeo e Forlane); Il Trittico (Decca); La Lupa (Fonè); Vite Immaginarie (As Disc); Ariodante di Händel, Ercole sul Termodonte e Montezuma di Vivaldi (dvd Dynamic); Il Flaminio e Lo frate ‘nnamorato di Pergolesi (dvd Unitel Classica); Canzoni d’amore di Lorenzo Ferrero (Nuova Era); Friedrich Lieder di Marco Tutino (Aura); Vidi acquam di Ennio Morricone; Lasciami sognare con Antonio Ballista (La Bottega discantica).

Fonte: sito www.mcdomani.com

Foto di Serena

Laura Cherici, soprano (english)

Serena conduce operaclassica Eco Italiano

Serena intervista il tenore Giulio Pelligra

 

G I U L I O P E L L I G R A – Tenore

Vero tenore all’italiana, in possesso di una voce svettante e luminosa, dall’acuto pronto e squillante, Giulio Pelligra è uno dei tenori emergenti che ha destato maggiore interesse in pubblico e critica. Nato a Catana, ha debuttato nel 2006 al National Theatre of Malta ne La Petite Messe Solennelle e Il barbiere di Siviglia di Rossini. Nel corso della sua carriera ha avuto modo di calcare i palcoscenici di alcuni fra i più importanti teatri italiani e internazionali, fra i quali Teatro dell’Opera di Roma, Teatro Filarmonico di Verona, Grand Théâtre de Genève, Rossini Festival di Wildbad, Landestheater di Bregenz, Teatro Massimo di Palermo, Teatro Bellini di Catania, Teatro Lirico di Cagliari, Teatro Petruzelli di Bari, Teatro Coccia di Novara, Teatro Grande di Brescia, Teatro Fraschini di Pavia, Teatro Ponchielli di Cremona, Teatro Sociale di Como, Teatro Comunale di Modena, Teatro Comunale di Ravenna, Teatro Verdi di Pisa, collaborando con direttori d’orchestra come Roberto Abbado, Asher Fisch, Antonino Fogliani, Renato Palumbo, Stefano Ranzani e Donato Renzetti. Fra i suoi successi si segnalano le interpretazioni di Maometto II (Paolo Erisso) al Teatro dell’Opera di Roma, Don Pasquale (Ernesto) al Teatro di Basilea, La traviata (Alfredo) al Teatro Sociale di Como e al Luglio Musicale Trapanese, Nabucco (Ismaele) e Lucia di Lammermoor (Arturo) al Teatro Massimo di Palermo, L’elisir d’amore (Nemorino) al Landestheater di Bregenz, al Teatro Municipale di Piacenza e al Teatro Municipale di Bolzano, La bohème (Rodolfo) al Grand Théâtre de Genève, Roméo et Juliette (Roméo) di Gounod al Teatro Verdi di Pisa, Rigoletto (Duca di Mantova) e La traviata (Alfredo) al Sarzana Opera Festival, Anna Bolena (Percy) e I Puritani (Lord Arturo Talbo) al Teatro Massimo “V. Bellini” di Catania. IMPEGNI RECENTI: Nabucco (Ismaele) all’Opéra Royal de Wallonie de Liège e al Teatro di San Gallo; Maria Stuarda (Leicester) al Teatro Carlo Felice di Genova; Jerusalem (Gaston) al Theater Freiburg; Stabat Mater di Rossini al Bustan Festival di Beirut; Anna Bolena (Percy) al Teatro Regio di Parma; La bohème (Rodolfo) all’Opera di Firenze; Linda di Chamounix (Carlo) al Teatro dell’Opera di Roma; La sonnambula (Elvino) al Teatro Filarmonico di Verona; Don Giovanni (Don Ottavio) al Teatro Verdi di Salerno. PROGETTI FUTURI: Pia de Tolomei (Ghino degli Armieri) nei Teatri di Pisa, Livorno e Lucca; Fra Diavolo (ruolo titolo) al Teatro Massimo di Palermo; La traviata https://www.youtube.com/watch?v=lxI5F4GyHVI(Alfredo) al Teatro Carlo Felice di Genova; Maria Stuarda (Leicester) alla Deutsche Oper am Rhein di Düshttps://www.youtube.com/watch?v=lxI5F4GyHVIseldorf; Die Zauberflöte (Tamino) al Teatro dell’Opera di Roma. Aggiornato ad agosto 2017

Fonte sito ufficiale agenzia Melos opera www.melosopera.com

Foto di Serena

Serena conduce operaclassica Eco Italiano

Intervista al soprano Cinzia Forte in occasione dei 280 anni del teatro San Carlo e per le celebrazioni di Carlo III di Borbone. In scena l’olimpiade di Leo in cui Cinzia Forte sarà Aristea.

Cinzia Forte, soprano

Biografia

Cinzia Forte, napoletana di nascita e romana di adozione, inizia gli studi musicali all’età di 5 anni sotto la guida del padre. Prosegue gli studi al Conservatorio e, contemporaneamente agli studi classici si diploma in Pianoforte e Canto Lirico. Vince numerosi concorsi internazionali tra cui il “Giacomo Lauri Volpi” di Latina e l’ “A. Belli” di Spoleto.Dopo il debutto avvenuto al Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto viene invitata dai più prestigiosi Teatri e istituzioni concertistiche internazionali tra cui il Teatro alla Scala di Milano, il Teatro San Carlo di Napoli, il Teatro La Fenice di Venezia, il Teatro Massimo di Palermo, il Teatro Regio di Torino, il Teatro dell’Opera di Roma, il Teatro Comunale di Bologna, l’Auditorium di S. Cecilia di Roma, il Rossini Opera Festival di Pesaro, il Covent Garden di Londra (The Royal Opera House), il Royal Concertgebouw e la Nederlandse Opera di Amsterdam, il Teatro Liceu de Barcelona, il Teatro de La Maestranza di Siviglia, l’Opernhaus di Zurigo, la New National Theatre di Tokyo, il Théâtre des Champs Elisée di Parigi, il Teatro Nacional de Sao Carlos di Lisbona, Deutche Oper Berlin, l’Opéra Royal de Wallonie di Liegi, il Deutsche Oper di Berlino e il Teatro Real di Madrid.Soprano lirico di agilità, applaudita nelle opere di Belcanto e particolarmente apprezzata per le sue interpretazioni di Violetta ne La Traviata ha recentemente aggiunto nuovi ruoli al suo repertorioquali Contessa d’Almaviva ne Le Nozze di Figaro, Desdemona in Otello e Anna Bolena. Il suo repertorio, che oggi conta circa 90 ruoli debuttati, comprende, tra gli altri titoli, opere di Mozart (Le nozze di Figaro – Susanna, Contessa; Die Zauberflöte – Pamina; Così fan tutte – Despina) Bellini (La Sonnambula), Donizetti (Lucia di LammermoorDon PasqualeL’elisir d’amoreAnna Bolena) Rossini (Le Comte OryIl viaggio a ReimsLa gazzettaLa gazza ladraIl turco in ItaliaTancredi), Verdi (La traviataOtelloRigolettoUn ballo in maschera) e opere francesi quali Manon e Roméo et Juliette.Collabora con direttori d’orchestra di fama internazionale tra cui Claudio Abbado, Maurizio Benini, Bruno Campanella, Riccardo Chailly, Myung-Whun Chung, Jesus Lopez-Cobos, Daniele Gatti, Gianluigi Gelmetti, René Jacobs, Jeffrey Tate e Michele Mariotti e registi quali Graham Vick, Jonathan Miller, Luca Ronconi, Pierluigi Pizzi, Franco Zeffirelli, Dario Fo, Emilio Sagi, Jérôme Savary, Willy Decker, Roberto De Simone, Michael Hampe, Mario Martone, Stefano Mazzonis di Pralafera, Ferzan Ozpetek.Nelle passate stagioni si è esibita con successo ne La Traviata (Violetta) al Teatro Massimo di Palermo, alla Palm Beach Lyric Opera, al Teatro dell’Opera di Roma diretta da Gelmetti con la regia di Zeffirelli, al Teatro San Carlo di Napoli con la Regia di Ozpetek e al Teatro Comunale di Bologna sotto la direzione di M. Mariotti, Falstaff (Nannetta) al Teatro Comunale di Bologna, Carmen (Micaela) al Teatro San Carlo di Napoli e all’Arena di Verona, La fille du régiment (Marie) di nuovo a Roma e a Bologna, Don Giovanni (Donna Anna) ad Oviedo, Lucia di Lammermoor ad Amsterdam e alla Fenice di Venezia, Orfeo all’inferno (Euridice) al Teatro Lirico di Cagliari, Le nozze di Figaro (Susanna), Rigoletto (Gilda), Ilia in Idomeneo al Teatro Real di Madrid, Rigoletto (Gilda) a Charleroi, Glauce in Medée al Teatro Regio di Torino, L’elisir d’amore (Adina) al Teatro Filarmonico di Verona e alla Fenice di Venezia, La vedova allegra (Valencienne) al Teatro San Carlo di Napoli, teatro con il quale è stata poi protagonista di una importante tournè in Cile, riscuotendo un enorme successo di pubblico e critica. Particolarmente interessante la collaborazione con L’Opéra Royal de Wallonie di Liegi dove Cinzia Forte è stata applaudita per le sue interpretazioni de Il matrimonio segreto (Carolina), La gazza ladra (Ninetta Villabella), Rigoletto (Gilda), Traviata (Violetta – e di cui è stato realizzato un Dvd edito dalla Dynamic) e dove più recentemente ha debuttato il ruolo della Contessa d’Almaviva ne Le Nozze di Figaro. Al Maggio Musicale Fiorentino ha cantato il ruolo di Aphrodite nella prima esecuzione italiana della Phaedra di Henze, teatro nel quale è poi tornata come Norina nel Don Pasquale, per l’inaugurazione della stagione 2011. Di grande successo la sua Violetta ne la Traviataandata in scena alla New Israeli Opera di Tel Aviv nella produzione nata a Liegi e il suo recital rossiniano con I Virtuosi Italiani a Città di Castello.Cinzia Forte ha aggiunto due nuovi ruoli al suo repertorio: è stata recentemente un’applauditissima Anna Bolena a Trieste e ha ricevuto il plauso di pubblico e critica come Desdemona in Otello al Teatro Lirico di Cagliari. Sul versante sinfonico è stata protagonista ne La missa solemnis con L’Orchestra Sinfonica Siciliana diretta da Gianluigi Gelmetti a Palermo e del Requiem di Mozart al Teatro Filarmonico di Verona. E’ tornata sul palco del Teatro Comunale di Bologna interpretando una deliziosa Susanna ne Le nozze di Figaro nella produzione firmata da Mario Martone e diretta da Michele Mariotti e Violetta nella Traviata opera che ha interpretato anche per l’inaugurazione del cartellone 2013 del Teatro San Carlo, sempre diretta da Mariotti con la regia di Ferzan Ozpetek.

Cinzia Forte, soprano

biography

Since her debut in Spoleto, Cinzia Forte has performed in the most important Opera Houses and Concert Halls in Italy and abroad. She is regularly invited by such theatres as the Teatro alla Scala in Milan and opera houses in Naples, Venice, Rome, Bologna, Palermo, Turin, Rossini Opera Festival in Pesaro, Royal Opera House in London, Royal Concertgebouw and Nederlandse Opera in Amsterdam, Gran Teatre del Liceu in Barcelona, La Maestranza in Seville, Zurich Opernhaus, New National Theatre in Tokyo, Théâtre des Champs-Elysées in Paris, São Carlos in Lisbon and Deutsche Oper Berlin.

Outstanding exponent of the lyric and coloratura repertoire, she is particularly appreciated for her interpretations of belcanto operas by Rossini, Donizetti, Bellini, Mozart’s operas and such French operas as Manon and Roméo et Juliette. Her repertory includes the main roles of Lucia di LammermoorLa SonnambulaDon PasqualeL’Elisir d’AmoreLa Fille du RégimentLe Comte OryIl Viaggio a ReimsIl Turco in ItaliaLa GazzettaLa Gazza LadraTancrediLe Nozze di Figaro(Susanna), Così Fan Tutte (Despina), Die Zauberflöte (Pamina), La Traviata (Violetta), Rigoletto(Gilda), Un Ballo in Maschera (Oscar), and Falstaff (Nannetta).

She regularly collaborates with such prestigious conductors as Claudio Abbado, Bruno Campanella, Riccardo Chailly, Myung-Whun Chung, Jésus Lopez-Cobos, Daniele Gatti, Gianluigi Gelmetti, Jeffrey Tate and Réne Jacobs, and internationally renowned directors as Roberto De Simone, Willy Decker, Dario Fo, Michael Hampe, Mario Martone, Jonathan Miller, Pier Luigi Pizzi, Luca Ronconi, Emilio Sagi, Jérôme Savary, Graham Vick, Franco Zeffirelli.

Ms. Forte enjoys numerous collaborations including La Traviata (Violetta) at the Teatro dell’Opera in Rome staged by Franco Zeffirelli and conducted by Gianluigi Gelmetti, at the Teatro Massimo in Palermo, at the Palm Beach Lyric Opera and at the Opéra Royal de Wallonie in Liège; La Fille du Régiment (Marie) at the Teatro dell’Opera in Rome; Falstaff (Nannetta) at the Teatro Comunale in Bologna; Carmen (Micaela) and The Merry Widow at the Teatro San Carlo in Naples and a highly successful concert tour in Chile under the baton of Maurizio Benini; Lucia di Lammermoor (title role) at the Nederlandse Opera in Amsterdam; Orphée aux Enfers (Eurydice) at the Teatro Lirico in Cagliari; Il Matrimonio Segreto (Carolina) in Liège; La Gazza Ladra (Ninetta) with the Japan Opera Foundation in Tokyo; Medée (Glauce) at the Teatro Regio in Turin; Mozart/Strauss’s Idomeneo (Ilia), recorded by Dynamic and performed at the Teatro Real in Madrid; Henze’s Phaedra (Aphrodite) at the Maggio Musicale in Florence; L’Elisir d’Amore and Carmen at the Arena in Verona; Rigoletto and Le Nozze di Figaro (Susanna) in Madrid; and Don Giovanni (Donna Anna) in Oviedo.

She appeared in Rigoletto (Gilda) in Liège and Charleroi; La Traviata (Violetta) in an ORW – Liège production in Tel Aviv; and Don Pasquale (Norina) for the opening night of the 2011 season at the Teatro del Maggio Musicale in Florence. She also adds two important roles to her repertoire: La cantessa d’Almaviva in Le Nozze di Figaro (Liège) and Anna Bolena (title role, in Trieste). In Palermo she sang the Missa solemnis under the baton of Gianluigi Gelmetti.

She has just performed as Violetta in La Traviata and Le Nozze di Figaro (Susanna) in the same amazing 2006 production (Tate/Martone) of the Teatro San Carlo in Naples at the Teatro Comunale in Bologna, Otello in Pisa, she sang Mozart Requiem at the Teatro Filarmonico in Verona and she opened 2013 Season at the Teatro San Carlo in Naples singing Violetta in Traviata, Ferzan Ozpetek directing and Michele Mariotti conducting.

https://www.youtube.com/watch?v=gGG4MKM8klAGraduated in Voice and Piano, Cinzia Forte won several international competitions, such as the “Giacomo Lauri Volpi” in Latina and the “A. Belli” in Spoleto.

Fonte sito ufficiale del soprano Cinzia Forte www.cinziaforte.it

Serena conduce operaclassica Eco Italiano

 

Intervista al soprano Tamara Kalinkina

 

 

Tamara Kalinkina, soprano

Biografia

Name

Tamara Kalinkina

Voice

Soprano

Repertoire in brief

Violetta,Tatiana, Iolanta, Susanna, Angelica, Mimì, Desdemona, Natalka, Katerina, Rosalinde, Sylva Varescu, Liù etc.

Nata a Kiev è vincitrice del Primo Premio al Concorso Vocale Riccardo Zandonai di Riva del Garda (June 2012) e vincitrice del Secondo Premio al Mikola Lisenko nel 2012 presso l’Opera Wiekl. Debutta nel ruolo di Tatiana in Eugene Onegin, diretta da Kery Lynn Wilson. In Italia debutta come Violetta Valery in La Traviata alla “Musica Riva Festival” in seguito al Primo Premio ricevuto nel concorso Zandonai. Al Teatr Wielki Opera Narodowa di Varsavia, ha cantato Tatiana in Eugene Onegin, per la direzione di  Keri – Lynn Wilson. Esegue alcuni concerti presso la Shostakovich Philarmonic di San Pietroburgo.

Nel 2016 è Tatiana per la premiere di una nuova produzione di Onegin con la Macedonia National Opera, il 2017 inizia con un concerto di Capodanno “Russian Fairy Tale”  presso la National Opera of Macedonia, è poi impegnata in un concerto con l’Orchestra Sinfonica del Estado de Mexico a Mexico City. A luglio debutta nei ruoli di Nedda ne I Pagliacci e Lauretta in Gianni Schicchi in occasione del festival Mediterraneo presso l’anfiteatro dei Ruderi di Cirella a Diamante. Ad Agosto è in tournèe a Dubai per la produzione di Don Giovanni del Teatro San Carlo Di Napoli.

Biography

Born in Kiev she is the winner of the First Prize at the Vocal Competition Riccardo Zandonai of Riva del Garda (June 2012) and winner of the Second Prize at Mikola Lisenko in 2012 at the Opera Wiekl. She made her debut in the role of Tatiana in Eugene Onegin, directed by Kery Lynn Wilson. In Italy she made her debut as Violetta Valery in La Traviataon Musica Riva Festival after having received the First Prize in the Zandonai Competition. At Warsaw National Opera (Teatr Wielki Opera Narodowa) she sang  Eugene Onegin (Tatiana) under the baton of Keri – Lynn Wilson.  In 2013 she performed some concerts at the Shostakovich Philarmonic of St. Petersburg.

Fonte: www.iumamanagement.com

 

Serena conduce operaclassica Eco Italiano

Intervista al soprano Maria Grazia Schiavo

Maria Grazia Schiavo, soprano

Biografia

Napoletana, diplomata al Conservatorio S. Pietro a Majella sotto la guida del Maestro R. Passaro, vince numerosi concorsi internazionali tra cui Santa Cecilia di Roma e Clermont Ferrand.

Il suo debutto operistico avviene giovanissima nella compagnia teatrale diRoberto De Simone, portando in scena il ruolo titolo ne’ La Gatta Cenerentola, debuttando nei principali teatri italiani ed esteri.

Affermata come uno dei soprani italiani di riferimento nel repertorio belcantistico e barocco, ha cantato il ruolo titolo ne laLucia di Lammermoor al Teatro Regio di Torino, Konstanze nel Ratto dal Serraglio all’Opera di Roma e all’Opéra Royal di Liegi ed il ruolo di Dircea nel Demofoonte di Jommelli a Salisburgo, Ravenna e Parigi diretta da Riccardo Muti, Almirena nel Rinaldo di Haendel diretta da Ottavio Dantone Accademia Bizantina al tournèe in Italia e al Théâtre de Champs Elysées, Don GiovanniDonna Anna al Teatro Regio di Torino diretto da C.Hogwood.

Tra gli impegni futuri di spicco citiamo: Lucia di Lammermoor al Real Teatro di San Carlo di Napoli; TraviataVioletta, al Real Teatro di San Carlo di Napoli; Il Viaggio a Reims al Teatro dell’Opera di Roma; Il Tamerlano, Asteria al Teatro La Scala di Milano.

Tra gli impegni dell’ultimo periodo (2015/2016) citiamo: Lucia di Lammermoor a Verona; Elisir,Adina, all’Opéra Royal di Liege; Traviata,Violetta, al Teatro San Carlo, Napoli ;Die Zauberflöte , Pamina, a Bologna; Elisir d’amoreAdina, al Teatro Petruzzelli di Bari ; Flauto MagicoPamina, al Teatro Regio di Torino; Morte e Sepoltura di Cristo di Caldara a Stavangher con Fabio Biondi; Don Giovanni,Donna Anna al Teatro Regio di Torino; Messa in c – di Mozart diretta da Christophe Rousset al Mozartheum di Salisburgo; Messiah di Haendel al Teatro Massimo di Palermo con Fabio Biondi.

Ha cantato: Cartina Burana con Riccardo Muti a Chicago; Cleopatra nel Giulio Cesare dir. Ottavio Dantone al Festival di Bremen ed in tournèe europea; Marito Disperato di Cimarosa in tournèe ad Hong Kong con il San Carlo di Napoli; Trionfo di Clelia di Gluck, ruolo titolo, al Teatro Comunale di Bologna (per il bicentenario del teatro); Konstanze nelRatto dal Serraglio a Pragha;Enfant et les SortilegesLe Feu, la Princesse e le Rossignol al Massimo di Palermo;Concerto Mozart Messa Incoronazione al Teatro Lirico di Cagliari; Arianna nel Giustino di Vivaldi diretta da Stefano Molardi al Theater An der Wien e al Théâtre de Champs Elysées; Stabat Mater di Rossini in Sala Nervi Vaticano per il Santo Padre diretta da J. Lopez Cobos; Amital nella Betulia Liberata di Mozart al Festival di Salisburgo diretta da Riccardo Muti; Dalinda nell’ Ariodante di Handel al Theater an der Wien con Christoph Rousset; Zerlina nel Don Giovanni con Lorin Maazel per l’inaugurazione del Palau de las Arts di Valencia;ruolo titolo neLa Partenope di Haendel a Beaune; la Fida Ninfa di Vivaldi al Festival Opera Rara di Cracovia diretta da Spinosì; Cleopatra nel Giulio Cesare di Haendel diretta da Ottavio Dantone, Accademia Bizantina a Ravenna e Ferrara; Asteria nell’Olimpiade di Pergolesi al San Carlo di Napoli; Berenice nel Farnace di Vivaldi al Theater an der Wien e Théâtre de Champs Elysées diretta da Stefano Molardi.

Specialista del repertorio Napoletano del 18th secolo ha cantato i Demofoonte di Jommelli a Salisburgo e Parigi ed il Veni Creator Spiritus di Jommelli al Teatro San Carlo diretta dal Maestro Muti;Pulcinella Vendicato di Paisiello, La FintaGiardiniera di Pasquale Anfossi,La Didone abbandonata di Piccinni, Motezuma di Di Majo e la La Partenope di Vinci con Antonio Florio, etc. Nel repertorio seicentesco italiano ha cantato EuridiceLa Musica e Proserpina nell’ Orfeo di Monteverdi al Teatro Real di Madrid con William Christie e Pierluigi Pizzi;Venere neLa Didone di Cavalli con Fabio Biondi al Teatro La Fenice; Floralba ne La Statira di Cavalli al Teatro San Carlo di Napoli. Nel repertorio sacro citiamo la Messa per l’Incoronazione di Napoleone di Paisiello al Festival di Saint Denis; L’Exultate Jubilate di Mozart al Teatro Real di Madrid.

Ha inciso, per Naïve Pulcinella Vendicato di Paisiello,La Statira di Cavalli, Coralità e Devotione di Francesco Provenzale e per Eloquentia lo Stabat Mater di Pergolesi con Stéphanie D’Oustrac sotto la direzione di Antonio Florio. Di recente uscita una raccolta di autori Veneziani sugli Ospedali con il Vocal Concert Dresden e il disco solista Arie di furore di Terradellas con Dolce Tempesta e Le cantate Italiane di Haendel con La Risonanza per Glossa.

Ultimo aggiornamento Gennaio 2017

Fonte sito ufficiale del soprano Maria Grazia Schiavo www.mariagraziaschiavo.com

About Me

Born in Naples, Maria Grazia Schiavo studied with R. Passaro at the Conservatory in Naples, graduating with honours. First Prize in Santa Cecilia Competition in Rome and First Prize in Clermont Ferrand International Singing Competition, she made her debut on stage with Roberto De Simone, performing the leading role in La Gatta Cenerentola touring in the most important theatres in Italy and abroad.

She began a career of concerts and opera at a young age, specializing in chamber music and baroque repertoire. Her renditions of thetitle role in Lucia di Lammermoor in Turin, Almirena in Handel’s Rinaldo at the Théâtre des Champs-Elysées with Ottavio Dantone, Konstanze in Mozart’s Die Entführung aus dem Serail in Rome,Violetta in Traviata, at the Teatro San Carlo, Naple and Jommelli’s Demofoonte in Salzburg and Paris with Riccardo Muti, recently affirmed her as one of the most interesting soprano of her generation in belcanto repertoire.

Among her latest engagements are: Lucia di Lammermoor, title-role, in Verona; Elisir,Adina, at the Royal Opera in Liège; Die ZauberflötePamina, in Bologna and Teatro Regio, Torino; ElisirAdina, in Bari, Teatro Petruzzelli; Don GiovanniDonna Anna at the Teatro Regio Torino; Mozart‘s Die Entführung aus dem SerailKonstanze, in Prahga; Amital in Betulia Liberata at the Salzburg Festival under the baton of Riccardo Muti; Dalinda in Handel’s Ariodante with Christophe Rousset at Theater an der Wien; Handel’s Partenope (title-role) at the international baroque festival in Beaune and Vivaldi’s Fida Ninfa with Jean-Christophe Spinosi in Opera Rara Festival in Krakow; Vivaldi’s Giustino at the Theater an der Wien; Pergolesi’s Olimpiade in Naples; Carmina Burana with Riccardo Muti in Chicago; Clelia in Gluck’s Trionfo di Clelia in Teatro Comunale Bologna.

Considered one of the great specialist of the 18th century Neapolitan repertoire she sang Demofoonte and Veni Creator in Naples with Maestro Muti and Paisiello’sIl Pulcinella Vendicato, Anfossi’sLa Finta Giardiniera, Piccini’s La Didone Abbandonata, De Majo’s Motezuma and Vinci’s Partenope all with renowned napolitan Maestro Antonio Florio.

In the early baroque Italian repertoire she sang EuridiceLa Musica and Proserpina in Monteverdi’s Orfeo at Teatro Real in Madrid with William Christie and Pierluigi Pizzi; Venere in Cavalli’sLa Didone with Europa Galante in Venice La Fenice and Floralba in Cavalli’s Statira at the Teatro San Carlo in Naples; Caldara’s Morte e Sepoltura di Cristo in Stavangher with Fabio Biondi; Cimarosa’s Il Marito Disperato in Naples and Hong-Kong with Christoph Rousset. In sacred music, she has sung Messa per l’Incoronazione di Napoleone di Paisiello in Festival St-Denis; and Mozart’s Exultate Jubilate at Teatro Real in Madrid; Mozart’s Messa in C – with Christophe Rousset at the Mozartheum Salisburgo…

She has recorded several cds for Naïve:Pulcinella Vendicato by Pasiello;La Statira by Cavalli and Coralità e Devotione by Provenzale. She has also recorded Pergolesi’s Stabat Mater for the label Eloquentia with Stéphanie D’Oustrac and Antonio Florio. It was recently released by Glossa Cantate Italiane by Handel with la Risonanza and a program on the Venetian Ospedali with the Vocal Concert Dresden. Her first solo cd “Furor” with music by Spanish composer Terradellas received a great critical acclaim.

Recent and future engagements include:

Traviata , Violetta, at the Teatro dell’Opera di Roma; Don Giovanni, Donna Anna, in Liége, Opéra Royal de Liège; TraviataVioletta, at the Gran Teatro La Fenice, Venice; Lucia di Lammermoor, title-role, in Naples, Teatro San Carlo; Mozart’s Die Entfuhrung aus dem Serail, Konstanze, in Bologna; Handel’s Messiah in Palermo, Teatro Massimo; Viaggio a Reims,La Contessa di Folleville at the Teatro dell’Opera in Rome,Tamerlano, Asteria , at Teatro alla Scala in Milano…

Last edited January 2017

Fonte sito ufficiale del soprano Maria Grazia Schiavo www.mariagraziaschiavo.com 

 

Serena conduce operaclassica Eco italiano

Intervista esclusiva al baritono Ambrogio Maestri, dal teatro San Carlo di Napoli in occasione del Simon Boccanegra di Verdi e Piave.

BIOGRAFIA E CURIOSITA’

Ambrogio Maestri è nato a Pavia, dove ha studiato canto e pianoforte.

 

Il suo sensazionale debutto avviene nel 2001 e coincide con l’evento musicale più importante del “Centenario Verdiano”: il Falstaff che, sotto la direzione del Maestro Riccardo Muti e per la regia di Giorgio Strehler, lo vede protagonista al Teatro la Scala di Milano e allo storico Teatro Verdi di Busseto.

 

Questa interpretazione gli vale critiche entusiastiche da parte della stampa internazionale e gli spalanca le porte dei più grandi Teatri Lirici del mondo.

La collaborazione con il Maestro Muti lo porta, nei tre anni successivi, a debuttare al Teatro alla Scala alcuni dei più emblematici ruoli verdiani quali Jago in Otello, Renato in Un ballo in maschera, Don Carlo di Vargas ne La forza del destino e Giorgio Germont in Traviata; consolidando così le basi di una carriera in continua ascesa.

Ospite dei più prestigiosi enti lirici mondiali (Metropolitan Opera, Opera de Paris, Covent Garden, Staatsoper di Vienna, Deutsche Oper di Berlino…) Maestri prosegue il suo percorso verdiano interpretando il Conte di Luna nel Trovatore, Amonasro in Aida, Rolando ne La battaglia di Legnano, Simon Boccanegra, Rigoletto e Nabucco nel ruolo di protagonista.

Amato dal pubblico e dalla critica, che continua a sostenerlo con l’entusiasmo dei suoi esordi, Maestri si conferma come uno dei più acclamati baritoni della scena internazionale.

All’interno di una carriera ricca di ruoli e soddisfazioni, Maestri continua naturalmente a portare Falstaff su tutti i più importanti palcoscenici, approfondendo un percorso di ricerca e di lettura interpretativa che fanno di Sir John un suo vero e proprio alter ego. Ogni nuova produzione rappresenta infatti una sfida che gli consente di studiare e sperimentare inedite nuances attoriali e vocali. La continua analisi e cesellatura del personaggio, condotta anche attraverso il confronto con i più grandi registi e direttori d’orchestra riesce a portare una ricchezza di esiti sempre nuova.

La collaborazione decennale con l’Arena di Verona lo porta a festeggiare nella stagione 2012 le cento recite di un’altra amatissima opera: Aida. Un traguardo significativo che si traduce in un’interpretazione matura e complessa del personaggio di Amonasro.

In questi anni di intensa attività viene diretto dai migliori direttori della scena internazionale tra cui Zubin Mehta, Daniele Gatti, Daniel Oren, Fabio Luisi, Antonio Pappano, Jeffrey Tate, Nello Santi, Marcello Viotti, Marco Armiliato, Gianandrea Noseda, Renato Palumbo,Daniel Harding… e da registi quali Franco Zeffirelli, Robert Carsen, Graham Vick, Peter Stein, Bob Wilson, Larent Pelly, Mario Martone, Hugo De Ana, Bartlett Sher…

Nel 2006 Maestri incontra per la prima volta il personaggio di Dulcamara. L’Opera di Parigi progettando una nuova produzione di Elisir d’amore desidera affidare, come avveniva una volta, il ruolo del simpatico ciarlatano ad una voce baritonale. Il successo dello spettacolo gratifica questa scelta riconoscendo a Maestri una duttilità vocale che gli consentirà di spaziare dal repertorio serio a quello buffo.

Negli ultimi quattro anni Maestri si confronta con Puccini e con il Verismo. Debutta Tosca a Torre del Lago, Cavalleria rusticana al Metropolitan di New York e Pagliacci alla Scala di Milano. La scelta di interpretare personaggi così forti e passionali, avviene, non a caso, dopo avere maturato un decennio di carriera. L’esperienza di palcoscenico infatti gli consente di valorizzare la veemenza del proprio peso vocale senza perdere la linea del canto.

Nel 2012 il regista Ferzan Ozpetek, che aveva diretto Ambrogio nell’Aida del Maggio Musicale Fiorentino, gli offre un ruolo nel suo film Magnifica presenza. Vestendo i panni di un cantante lirico degli anni quaranta, Ambrogio vive l’esperienza cinematografica accanto ad un cast eccezionale, costituito da alcuni dei più importanti attori italiani di oggi.

Il 2013, bicentenario verdiano, consacra Maestri come il Falstaff di riferimento; porta infatti Sir John al Teatro alla Scala, all’Opèra National de Paris, all’Opernhaus di Zurigo, al Festival di Salisburgo, Monaco di Baviera, Tokio festeggiando la duecentesima recita Metropolitan di New York.
Sempre nel 2013 è stato Nabucco all’Arena di Verona, Amonasro nell’Aida della Scala, all’Arena di Verona e a Tokio e infine Simon Boccanegra al Teatro Regio di Torino.

Il 2014 vede Ambrogio impegnato in diverse opere quali Pagliacci a Vienna, Tosca a Barcellona, Nabucco a Monaco di Baviera, Otello al Teatro Regio di Torino e Aida all‘Opera di Roma. Lo si potrà vedere in Falstaff ad Amsterdam con la Royal Concertgebouw Orchestra a San Paolo del Brasile e al Teatro Colon di Buenos Aires.
Debutterà inoltre il ruolo di Gerard in Andrea Chenièr al Festival di Peralada.

Gennaio 2014

 

ABOUT

 

Ambrogio Maestri was born in Pavia where he studied singing and piano.

His sensational debut in 2001 coincided with the most important musical event of the Verdi Centennial, Falstaff, conducted by Riccardo Muti and directed by Giorgio Strehler, which saw him in the leading role at the Teatro alla Scala in Milan and the historic Teatro Verdi in Bussetto.

This interpretation earned him enthusiastic reviews from the international press and opened the doors of the most important opera houses in the world.

 

The collaboration with Riccardo Muti lead him over the next three years to debut at the Teatro alla Scala in some of the most emblematic Verdi roles such as Iago in Otello, Renato in Un Ballo in maschera, Don Carlo di Vargas in La forza del destino and Giorgio Germont in Traviata, thereby strengthening the foundations of a constantly ascending career.

Guest of the most prestigious opera companies world-wide (Metropolitan Opera, Opera de Paris, Covent Garden, Staatsoper di Vienna, Deutsche Oper di Berlino, Maestri continues his Verdian journey performing as the Conte di Luna in Trovatore, Amonasro in Aida, Rolando in La battaglia di Legnano, and in the leading roles of Simon Boccanegra, Rigoletto and Nabucco.

Loved by the public and critics who continue to support him with the same enthusiasm as at the beginning of his career, Maestri is confirmed as one of the most acclaimed baritones on the international scene.

 

In a rewarding career with an abundance of roles Maestri has obviously continued to bring Falstaff to the most important stages, with Sir John becoming his true alter ego through in depth research and interpretative recitation. In fact each new production represents a challenge that enables Maestri to study and experiment unedited actors’ and voice nuances. The continuing analysis and refining of the character, also carried out by confrontation with the greatest directors and conductors , brings a wealth of new results.

 

 

 

The ten-year collaboration with the Arena di Verona led him during the 2012 season to celebrate his one hundredth performance of another beloved opera: Aida. A significant milestone that results in a mature and complex interpretation of the character of Amonasro.

In 2006 Maestri encountered for the first time the character of Dulcamara. The Opera de Paris, planning a new production of Elisir d’amore, wished to assign, as in the past, the role of the congenial charlatan to a baritone. The success of the performance rewarded this decision recognizing in Maestri a vocal flexibility that permits him to range from serious to buffo repertoires.

 

In the last four years Maestri has confronted Puccini and Verismo. He debuted in Tosca at Torre del Lago, Cavalleria rusticana at the Metropolitan in New York and Pagliacci at La Scala in Milan. The choice of playing such strong and passionate characters came, not surprisingly, after a decade of experience. This stage experience in fact allows him to enhance the vehemence of his own vocal weight without losing the la linea del canto.

 

In 2012 the director Ferzan Ozpetek, who had directed Ambrogio in Aida at the Maggio Musicale Fiorentino, offered him a role in his film Magnifica presenza. Playing the part of an opera singer in the forties, Ambrogio Maestri had a cinematographic experience alongside an exceptional cast, made up of some of today’s greatest Italian actors.

Verdi’s bicentennial in 2013 represents the consecration of Maestri as a reference Falstaff. He was Sir John at La Scala, at the Opèra National de Paris, at Zurich’s Opernhaus, at Salzburg’s Festival, in Munich, in Tokyo, and at the Met in New York where he celebrated his 200th performance of the role. In 2013 he also interpreted Nabucco at the Arena di Verona; Amonasro in Aida at La Scala, at the Arena di Verona, and in Tokyo; and Simon Boccanegra at Turin’s Teatro Regio.

In 2014 Ambrogio will be working on several productions such as Pagliacci in Vienna, Tosca in Barcelona, Nabucco in Munich, Othello at Turin’s Teatro Regio, Aida at Rome’s Opera. We will see his Falstaff in Amsterdam with the Royal Concertgebouw Orchestra, in San Paolo in Brazil, and in Buenos Aires at the Teatro Colon.
He will also make his debut as Gerard in Andrea Chenièr at the Peralada Festival.

January 2014

FONTE SITO UFFICIALE DEL BARITONO MAESTRO AMBROGIO MAESTRI

www.ambrogiomaestri.com

Video: https://www.youtube.com/watch?v=oQyuR85uegM

Serena conduce operaclassica Eco Italiano

 

Intervista in esclusiva al tenore Leonardo Caimi

 

 

Leonardo Caimi, tenore

Diplomato in Canto e in Clarinetto, ha studiato composizione e in seguito si è laureato in Filosofia all’Università degli Studi di Messina col massimo dei voti e la lode. Leonardo Caimi è un tenore lirico di indubbie qualità vocali ed attoriali, riconosciute già in avvio di carriera in occasione di importanti concorsi lirici, di cui è sempre risultato vincitore, quali: “Toti dal Monte” di Treviso, “Rocca delle Macìe”, “Marcello Viotti” di Vercelli, As.Li.Co, “Ferruccio Tagliavini”, “Voci Verdiane” di Busseto. Ha cantato nei più prestigiosi teatri tra cui il teatro Alla Scala di Milano, il Festival di Salisburgo, la DeutscheOper di Berlino, la Semperoper di Dresda, La Monnaie di Bruxelles, il Teatro Carlo Felice di Genova, il Festival Puccini di Torre del Lago, il Teatro dell’Opera di Roma, il Teatro Regio di Torino, il Teatro Donizetti di Bergamo, NCPA di Pechino, il Petruzzelli di Bari, il Grand Théâtre di Tours, l’Opéra de Rennes, l’Opera di Graz, il Teatro Verdi di Trieste, il Teatro Verdi di Busseto, il Teatro Bellini di Catania, la Detroit Opera House e diversi teatri in Giappone e in Corea; con direttori quali R. Muti, L. Maazel, G. Gelmetti, M. Stefanelli, E. Queler, R. Brignoli e registi come F. Zeffirelli, R. Lepage, S. Vizioli, W. Pagliaro e M. Scaparro. Inizia la sua carriera interpretando Fenton nel Falstaff (teatro Verdi di Busseto, teatro Petruzzelli di Bari, teatro dell’Opera di Roma con la regia di Franco Zeffirelli); Rinuccio in Gianni Schicchi (sotto la direzione di Gianluigi Gelmetti presso l’Accademia Chigiana di Siena); Nemorino ne L’Elisir d’amore (teatro Bellini di Catania sotto la direzione di Roberto Rizzi Brignoli); Alfredo ne La Traviata (teatro Donizetti di Bergamo). E’ invitato al Festival di Salisburgo per il ruolo di Valerio nella prima esecuzione mondiale dell’opera Il ritorno di Don Calandrino di Cimarosa, diretto da Riccardo Muti. Debutta al teatro alla Scala con la Petite Messe solennelle di Rossini e vi torna successivamente con l’opera 1984 scritta e diretta da Lorin Maazel. Esegue inoltre a Budapest, sempre con il coro filarmonico della Scala, la Messa di Gloria di Mascagni. Intensa la sua attività concertistica con l’orchestra dei Pomeriggi Musicali al Teatro Dal Verme di Milano; al Teatro Regio di Torino, per l’“Associazione Amici di Josè Carreras per la lotta contro la leucemia”; in Giappone, ancora sotto la direzione di Lorin Maazel, con l’orchestra della Fondazione A. Toscanini, in una serie di concerti di arie verdiane presso la Yokoama Minato Mirai Hall e la Sapporo Concert Hall Kitara. Attualmente il suo repertorio si distingue nei principali ruoli da tenore lirico e lirico spinto, tra cui ricordiamo Rodolfo ne La Bohème, Des Grieux in Manon Lescaut di Puccini, Riccardo in Un Ballo in Maschera, Nemorino ne L’Elisir d’amore, Pinkerton in Madama Butterfly, Alfredo ne La Traviata, Errico Settebellizze in Napoli milionaria di Nino Rota, Ruggero ne La Rondine, Fritz ne L’Amico Fritz, Maurizio di Sassonia in Adriana Lecouvreur, Don Josè nella Carmen, Don Carlo in Don Carlo, Mario Cavaradossi nella Tosca, Radames in Aida, Samson in Samson et Dalila. Nel 2015 ha cantato Radames in Aida, Ruggero ne La Rondine, Rodolfo ne La Bohème, Pinkerton in Madama Butterfly, Samson in Samson et Dalila. È stato protagonista, accanto ad Iva Mula, nella Cantata Clovis et Clotilde di Bizet e ancora in Don José nella Carmen, con l’Orchestra National de Lille, sotto la direzione di Jean-Claude Cadadesus, presso la Nouveau Siècle de Lille e la Philarmonie di Parigi; ha debuttato con successo alla DeutscheOper di Berlino, alla Semperoper di Dresda, all’Auditorium di Bordeaux per l’apertura di stagione, diretto da Alain Lombard, nel ruolo di Don Carlo. Ancora Rodolfo ne La Bohème al Carlo Felice di Genova, con la regia di Ettore Scola. Tra gli impegni futuri segnaliamo: Maurizio di Sassonia in Adriana Lecouvreur e Pinkerton in Madama Butterfly al Théâtre de la Monnaie di Bruxelles; Rodolfo ne La Bohème al 62’ Festival Puccini di Torre del Lago; Don José nella Carmen alla DeutscheOper di Berlino, Calaf in Turandot in una nuova produzione a Leipzig; Maurizio di Sassonia in Adriana Lecouvreur al Teatro Colón di Buenos Aires; Cavaradossi in Tosca alla Opernhaus di Francoforte.

Luglio 2016

Fonte sito ufficiale del tenore Leonardo Caimi www.leonardocaimi.it

 

 

Serena conduce operaclassica

 

Intervista a Gabriele Pezone, direttore d’orchestra

 

Gabriele Pezone, direttore d’orchestra

BIOGRAFIA

Giovanissimo vince i primi concorsi in ambito compositivo.

Ha studiato pianoforte sotto la guida di Antonio Luciani (della scuola di Vincenzo Vitale); in questo strumento si è brillantemente diplomato presso il Conservatorio “O. Respighi” di Latina con Salvatorella Coggi ed in musica corale e direzione di coro con Mauro Bacherini. Sempre presso il Conservatorio di Latina ha studiato Organo e composizione organistica con Luigi Sacco (allievo di Fernando Germani) e composizione con Alberto Meoli. Ha studiato improvvisazione organistica a Trento con Stefano Rattini e si è perfezionato in organo con Mariella Mochi ed Olivier Latry (organista titolare di Notre Dame di Parigi) ed in pianoforte con Alessandra Ammara e Roberto Prosseda (con cui ha avuto il privilegio di esibirsi a 4 mani nel Festival Pontino 2009).

Ha frequentato i corsi di animazione liturgica della Diocesi di Roma tenuti da Marco Frisina. Ha studiato direzione d’orchestra con Nicola Samale e Deian Pavlov. La sua attività direttoriale, che lo ha portato ad affrontare un repertorio sconfinato dal barocco alla musica contemporanea, lo ha visto condurre le seguenti orchestre: Corelli Chamber Orchestra (Italia), Vidin State Philharmonic Orchestra (Bulgaria), Orchestra Sinfonica Internazione Giovanile ”F. Fenaroli” di Lanciano (Italia), Orquesta Sinfonica del Estado del Mexico (Messico), Lomza Chamber Philharmonic Orchestra (Polonia), Orquesta de la Universidad Autonoma de Nuevo Leon (Messico), Orchestra Filarmonica di Kalisz (Polonia), Orkestra Akademik Baskent di Ankara (Turchia), l’Orquesta Sinfonica de Yucatan e la Camerata de Coahuila (Messico), la Giovane Orchestra d’Abruzzo (Italia), la West Bohemian Symphony Orchestra (Repubblica Ceca), la Southern Arizona Symphony Orchestra (USA), l’Orquestra Sinfonica de la Universidad Autonoma del Estado de Hidalgo (Messico), la Sinfolario Orchestra, l’Orchestra Cantelli di Milano, l’Orchestra Sinfonica di Sanremo (Italia, l’Orquesta Sinfonica de Michoacan (Messico), la Orquesta Sinfonica de Loja (Ecuador), la Symphony Arlington, la Garland Symphony Orchestra, la Las Colinas Symphony Orchestra (USA), l’Orchestra dell’Opera dell’Ucraina, la Bellagio Festival Orchestra, l’Orchestra dell’Accademia dei Sanniti (Italia), l’Orchestra del Conservatorio Regionale di Gaia (Portogallo), la Cairo Symphony Orchestra (Egitto), la North Czech Philharmonich Orchestra (Repubblica Ceca) presso la prestigiosa Smetana Hall di Praga e la Bitola Chamber Orchestra (Macedonia).

Ha diretto “La Traviata” di G. Verdi presso il teatro “A. Manzoni” di Cassino, “Madama Butterfly” di G. Puccini presso il teatro “G. D’Annunzio” di Latina e “Tosca” di G. Puccini alle Serate Borgiane 2015 di Nepi (Italia).

Si è anche esibito, come pianista o organista, in Croazia, Francia, Svezia, Australia, Danimarca, Spagna, Hong Kong e Nuova Zelanda, in cui ha tenuto anche una masterclass alla prestigiosa Waikato University.

E’ fondatore e direttore dell’Orchestra da Camera ”Città di Fondi” (con cui ha recentemente registato per Radio Vaticana con la pianista italoamericana Natalie Gabrielli) e del SoundTrack Ensemble, gruppo strumentale composto da giovani musicisti pontini, nato da un progetto dell’Associazione cinematografica “Giuseppe De Santis”. E’ membro della Commissione per la Musica Sacra ed il Canto Liturgico dell’Arcidiocesi di Gaeta. E’ presidente delle associazioni musicali intitolate a “Ferruccio Busoni” e “SergejRachmaninov”, con cui ha organizzato decine di iniziative culturali.

Nel 2006 è risultato essere il vincitore (sezione musica) con il brano inedito per pianoforte “Mozarteum” della V edizione del Premio Internazionale “Giuseppe Sciacca”, prestigioso riconoscimento consegnatogli presso la Camera dei Deputati.

E’ il direttore artistico del Fondi Music Festival e dei corsi di perfezionamento musicale di “InFondi Musica”; è socio del Campus Internazionale di Musica di Latina. È stato il direttore artistico della Settimana Culturale Fondana ed il direttore musicale dell’opera “Wojtyla generation – love rock musical” (musiche e testi di Raffaele Avallone), presentata in Polonia nel 2009 con esiti entusiasmanti. E’ l’organista titolare del coro dell’Arcidiocesi di Gaeta; sue esecuzioni sono state trasmesse da TVP (Polonia), da RadioMaria, da SAT2000 (in diretta da piazza San Giovanni in Laterano per i 140 anni dell’Azione Cattolica Italiana), da RaiUno e da RaiTre.

Il suo interesse globale verso l’arte dei suoni lo ha portato ad interessarsi di musica popolare e ad essere il fisarmonicista del gruppo folk “Città di Fondi”, con cui ha vinto nel 2011 il “Best Music Award” all’8° Nicosia International Folk Dance Festival (Cipro).

Alla intensa attività concertistica affianca l’insegnamento del pianoforte presso il Centro Studi Musicali ARS di Fondi (LT) e presso la scuola ”Harmonie” di Gaeta (LT).

Fonte sito ufficiale di Gabriele Pezone www.gabrielepezone.it