Archivo por días: 2 marzo, 2018

Chocolate Days dal 1° al 4 marzo in Piazza della Rinascita. Gemellaggio letterario tra Pescara e Modica, nel segno di D’Annunzio e Quasimodo

 

CHOCOLATE DAYS, A PESCARA DAL 1° AL 4 MARZO
Gemellaggio con Modica nel segno di D’Annunzio e Quasimodo
 
Un viaggio goloso nel cuore delle più antiche tradizioni cioccolatiere e un percorso letterario che lega i due massimi poeti di Pescara e Modica, Gabriele D’Annunzio e Salvatore Quasimodo. Nell’anno in cui si celebrano gli 80 anni dalla morte del Vate e i 50 anni dalla scomparsa del premio Nobel siciliano, le città di Modica e Pescara si uniscono idealmente in un gemellaggio gastronomico e culturale che funge da filo conduttore dei “Chocolate Days”.
Il festival del cioccolato, prima tappa della tournee nazionale “ChocoModica in tour”, è stato inaugurato ieri mattina in Piazza della Rinascita, a Pescara, e andrà avanti fino a domenica 5 marzo 2018. Gli stand dei maestri artigiani provenienti dalla Sicilia, ma anche da altre città italiane quali Perugia, Enna, Merate, Monza, Jesi e Pesaro, da ieri hanno invaso il centro città pescarese con carrellate di dolcezze e altri prodotti tipici, proposti nelle forme e nei gusti più disparati. La manifestazione è organizzata dal Movimento del Turismo del Cioccolato e delle Eccellenze Italiane e dal Consorzio di Tutela del cioccolato di Modica, diretto da Nino Scivoletto, con il patrocinio del Comune di Pescara.
Protagonista assoluto dei “Chocolate Days” è il cioccolato artigianale di Modica dall’inconfondibile sapore dolce e granuloso, ottenuto dalla spremitura a freddo delle fave di cacao senza l’aggiunta di ulteriori ingredienti se non lo zucchero di canna. Le diverse fasi di lavorazione del cacao sono mostrate ai visitatori all’interno della tensostruttura che ospita la “Ciokofabbrica” del maestro perugino Fausto Ercolani, in Piazza della RinascitaLa fabbrica del cioccolato è visitabile gratuitamente da grandi e piccini ogni giorno, dalle 10 alle 22. I maestri cioccolatieri di Modica sono rappresentati da Andrea Iurato, che ha portato all’Expo di Milano le dimostrazioni sulle antiche tecniche di lavorazione a freddo del cioccolato, mentre un confronto tra le diverse tradizioni cioccolatiere e dolciarie di Pescara e Modica è affidato agli incontri con i maestri Massimo Tavoletta e Lorenzo Puca.
Il festival “Chocolate Days” non è solo un itinerario goloso, bensì una manifestazione in cui la tradizione dolciaria si mescola con percorsi artistici e letterari incentrati su D’Annunzio e Quasimodo, suggestioni legate al cinema e al teatro e allettanti connubi tra cucina e cultura territoriale. Nella tensostruttura in piazza della Rinascita le performance artistiche di scultura e pittura a partire da blocchi di cioccolato, con la partecipazione straordinaria del maestro scultore Enrico Candiano e degli studenti del liceo artistico Bellisario-Misticoni, si alternano a show cooking, convegni a tema, laboratori didattici, proiezione di fiction e documentari su cacao e cioccolato. Spazio alla solidarietà, grazie al progetto “ChocoModica for life – Il cioccolato di Modica per Happy Child” a cura del Kiwanis, in collaborazione con Save the Children, dedicato alla raccolta fondi per i bambini abbandonati. Infine è prevista anche un’area dedicata ai più piccoli con trucca bimbi, face art (a cura degli artisti Liza Levina e Sergei Levin) e l’angolo per “Le mani in… pasta di cacao”.
 
Il programma di sabato
Domani, sabato 3 marzo, gli stand in piazza della Rinascita aprono i battenti alle ore 10. Tra visite guidate alla fabbrica del cioccolato e sculture live ad opera del maestro Candiano e degli studenti del Mibe Misticoni-Bellisario, all’interno della tensostruttura saranno snocciolati i dettagli del progetto di solidarietà a cura del Kiwanis “ChocoModica for life – Il cioccolato di Modica per Happy Child”, volto alla produzione e alla vendita di barrette di cioccolato di Modica con il bollino “Kiwanis International, progetto Happy Child”.
Alle ore 12, per il ciclo di incontri “ChocoTalk”, il presidente nazionale di Conpait Federico Anzellotti discuterà delle problematiche legate allo sviluppo dei distretti produttivi dolciari italiani. Nel pomeriggio, alle ore 17, si prosegue con lo show cooking “Il cioccolato di Modica di Barry Callebaut”, mentre dalle 18,30 alle 20 saranno proiettate fiction, documentari, filmati e animazioni a tema cacao e cioccolato. Gli intermezzi musicali saranno eseguiti dagli studenti del liceo musicale Misticoni-Bellisario di Pescara. Gli stand chiuderanno alle ore 22.  

Il rendiconto finanziario all’AQUILA

 

Rendiconto Finanziario:

redazione, interpretazione e utilizzo

L’AQUILA. Martedì 13 marzo 2018, all’Aquila, la Sala Conferenze ANCE (via Alcide de Gasperi 60), alle ore 14,30, ospiterà il Seminario “Rendiconto finanziario: redazione, interpretazione e utilizzo”.

Il Seminario, organizzato in collaborazione con Wolters Kluwer, ha il patrocinio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di L’Aquila e Sulmona.

Comunicare significa condividere, mettere qualcosa in comune con gli altri: nel mercato finanziario la comunicazione è l’insieme delle strategie e degli strumenti utilizzati per rendere fruibili informazioni di carattere economico-finanziario ad investitori e parti terze, tra cui le banche.

Il processo di trasformazione del puro dato numerico in informazione inizia da una fase di interpretazione dei risultati aziendali che vengono analizzati e valutati. Questo processo consente l’efficacia comunicativa dell’informazione.

Tuttavia, la presenza del ricevente non implica necessariamente l’assunzione completa dell’informazione. Ciò dipende dall’efficacia del canale ma, soprattutto, dal risultato dell’interpretazione del messaggio da parte del ricevente.

Il rendiconto finanziario è uno strumento assolutamente necessario per il controllo finanziario e, quindi, al fine di conoscere: come si è finanziata l’impresa; se le risorse sono investite ed utilizzate in modo ottimale; qual è il fabbisogno in relazione all’attività presente e futura dell’impresa; quali sono le fonti di finanziamento più convenienti.

Farà l’intervento introduttivo il dottor Ettore Perrotti, Presidente ODCEC di L’Aquila e Sulmona.

Relatore sarà il professor Francesco Lenoci, Docente di “Metodologie e determinazioni quantitative d’azienda 2” nell’innovativo Corso di Laurea Blended “Direzione e Consulenza Aziendale – DECA” presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e Autore con Enzo Rocca del Libro “Rendiconto finanziario”, Wolters Kluwer, Guide Operative Ipsoa, febbraio 2018.

La partecipazione al Seminario è libera e gratuita. Inoltre, l’ODCEC di L’Aquila e Sulmona ha provveduto a richiedere al Consiglio Nazionale l’accreditamento del Seminario per il riconoscimento dei crediti formativi ai Dottori Commercialisti e Esperti Contabili.

Serena conduce Operaclassica Eco Italiano

 

Serena intervista il soprano Maria Mudryak

 

MARIA MUDRYAK – SOPRANO

Biografia

Fra gli impegni della stagione 2017/2018 spiccano Mimì in una nuova produzione de La bohème e Violetta ne La traviata al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, una nuova produzione de La traviata al Teatro San Carlo di Napoli, il debutto nel ruolo di Liù in Turandot per l’inaugurazione del Gran Teatro di Shaanxi in Cina, il debutto nel ruolo di Gilda in Rigoletto al Teatro Carlo Felice di Genova, e in seguito al Teatro Massimo di Palermo a fianco di Leo Nucci nel ruolo del titolo in tutte e due le occasioni, e Susanna ne Le nozze di Figaro al Teatro Massimo di Palermo.

I suoi impegni della stagione 2016/2017 includevano Violetta ne La traviata al Teatro San Carlo di Napoli e al Teatro Carlo Felice di Genova, Susanna ne Le nozze di Figaro al Teatro San Carlo di Napoli, Valencienne ne La vedova allegra al NCPA Beijing, Oscar in Un ballo in maschera al NCPA Opera Festival di Pechino, Musetta ne La bohème al NCPA Mumbai, Mimì ne La bohème all’Opera di Astana, e recite di gala in onore della carriera di Leo Nucci a Piacenza e Modena.

Nel 2015/2016 Maria Mudryak ha interpretato Violetta ne La traviata all’Opera di Firenze e all’Opera di Astana, Giulia ne La scala di seta all’Opéra Royal de Wallonie, Susanna ne Le nozze di Figaro al Teatro Petruzzelli di Bari, Mimì ne La bohème al Teatro Coccia di Novara e Musetta nella stessa opera al Ravenna Opera Festival e alla National Opera di Vilnius, Norina in Don Pasquale al Teatro Donizetti di Bergamo, Teatro Sociale di Como, Teatro Pergolesi di Jesi e al Teatro Fraschini di Pavia.

Nel febbraio del 2015 il soprano kazako ha inaugurato la stagione del Teatro Municipale di Piacenza nel ruolo di Adina ne L’elisir d’amore in un allestimento di Leo Nucci e ha cantato Giulietta ne Les contes d’Hoffmann per i Teatri del Circuito Lirico Lombardo. Il 2014 è stato l’anno del debutto operistico, nel ruolo di Susanna ne Le nozze di Figaro al Teatro Carlo Felice di Genova, ha cantato Musetta al Teatro Rosetum di Milano e ha fatto parte del “Young Singers Project” del Festival di Salisburgo.

Nata a Pavlodar, Kazakistan, di origini russe, Maria Mudryak si è trasferita in Italia all’età di dieci anni per iniziare lo studio del canto. L’anno successivo è stata ammessa nel Coro delle voci bianche del Teatro alla Scala. A quattordici anni è stata ammessa (in via del tutto eccezionale, considerata la giovanissima età) al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano da cui si è diplomata cum laude quattro anni dopo; ha inoltre studiato dieci anni alla Scuola musicale di Milano sotto la guida di Carlo Gaifa. Ha vinto il “65° Concorso Aslico per Giovani Cantanti Europeo”, il “Opera Ball” in Kazakistan e il Terzo Premio e il Premio del Pubblico del Concorso Operalia 2017.

Maria Mudryak ha collaborato with direttori quali Carlo Rizzi, Renato Palumbo, Aldo Sisillo, Fabrizio Carminati, Christopher Franklin, Matthew Aucoin e Nicola Pazkowsky, e registi fra cui Leo Nucci, Hugo De Ana, Ferzan Ozpetek, Chiara Muti e Andrea Cigni.

Febbraio 2018

La biografia qui sopra e altre info le potete trovare nel bellissimo sito ufficiale del soprano Maria Mudryak ecco il link www.mariamudryak.com

Il video in cui Maria Mudryak canta ad operalia 2017 lo trovate sia nel video dell’intervista subito dopo l’intervista, sia qui sotto. Buona visione