Serena conduce Operaclassica Eco Italiano

Serena scrive e dedica una poesia dal titolo «perchè lui è musica» a Jordi Bernacer, direttore d’orchestra.

Perché lui è musica.

E’ come quando si passeggia tra i tulipani

in Olanda, ne avverti la fragranza e ne cogli i variopinti colori,

immaginando gocce di infinite cromature.

E’ come quando accogli la melodia come un mulino al vento

Sospinta dall’armonico movimento delle pale, porti l’acqua al bisogno.

E’ come quando il mare brilla al sole e si agita nei fondali,

calma e turbinio di forze ataviche, di correnti armoniche,

di improvviso movimento, di affascinante sconvolgimento.

E’ come quando un sirena si abissa nelle profondità di un oceano,

in quei posti profondi e sconosciuti che restituiscono arcani di affascinante sapere,

la scoperta di angoli segreti sconosciuti eppure ricchi di tesori

e col suo canto melodioso ti conduce con se verso incanti mitologici.

E’ come quando si arriva sulla cima di una alta montagna, dominatrice di paesaggi,

e dopo tanta scalata, in vetta, di fronte il sole caldo e luminoso che accarezza il viso

e l’anima e dà gioia, cosicché fatica e affanno culminano in un sospiro.

E’ come quando la bora soffia forte su Trieste, arriva improvvisa, forte, energica

Colpendo i profili delle case, entrando tra i capelli della gente, batte sul viso e agitando il mare,

la sensazione di essere trascinati via e la corrente soffia, impietosa su di noi sconvolgendo

il nostro essere, dando spazio a emozioni e sensazioni insolite e fulminee.

E’ come quando cammini ed osservi un paesaggio e scruti con attenzione,

angoli, decori, colori, profili, luci e riflessi, e camminando e mirando le meraviglie

senti il profumo di agrumi, fiori, del mare ed i sensi gioiscono a tale tripudio.

E’ come quando i sakura giapponesi fioriscono e i loro colori sfavillanti riempiono

gli occhi, il cuore, l’anima, la mente, i sensi di opulente splendore.

E’ come quando mani generose e gentili ti sollevano, ti conducono con la loro generosità

verso musiche di armonie lontane, e afferrando quelle mani, si cerca di capire, di afferrare

almeno in parte, il mistero delle armonie in note.

E’ come quando l’orologio batte le ore, i minuti, i secondi,

e l’attesa del tempo che verrà, i palpiti del non noto che sarà esperienza,

la tensione che danza tra gli avvenimenti intessuti nella trama dello scorrere del tempo,

che mette alla prova il nostro sentire, come musica dei giorni, delle notti, dell’esistenza,

le cui ore sempre uguali, sono sempre differenti nel nostro vivere.

E’ come quando le vele spiegate di una nave conducono verso nuove terre, terre da esplorare,

da osservare in cui cercare e ricercare il senso e i significati.

E’ come il cielo stellato d’Arabia, dove osservando le stelle luminose

Proviamo sensazioni profonde come se ogni stella corrispondesse ad un nuovo sogno

Ed ogni sogno ad una nuova emozione.

E’ come quando d’estate arriva la pioggia,

fresca e abbondante si riversa su di noi e ci ristora,

e non servono impermeabili ed ombrello,

perché si vuole vivere il momento, la sensazione gradevole di quell’abbraccio.

E’ come quando un pittore, ispirato, vede nei suoi colori il suo mondo interiore

Da rappresentare, seguendo le immagini della mente, dei suoi occhi, della sua anima, del suo cuore.

E’ come un ruscello che scorre sempre nello stesso punto e sempre diverso,

con il suo suono, il suo brillio, la sua freschezza che rigenera e il cui pensiero ci addolcisce.

E’ come quando si sorride davanti ad una tazza di caffè, un dolce preferito, il cibo adorato,

come lo stupore davanti a ciò che ci interessa, è la gioia che proviamo quando davvero ci emozioniamo.

Come rugiada mattutina sui fiori, come i tasti di un pianoforte pronti nell’attesa di essere suonati,

come il silenzio ad inizio di una opera ed alla fine quando poi inizia l’applauso,

è l’overture delle emozioni, l’intermezzo dei pensieri, l’aria dei ricordi, il finale della speranza, i

il palcoscenico dell’esperienza, l’orchestra dei pensieri, la danza dei sentimenti.

il tramonto che prelude all’alba, il sole che sorge dalle montagne e illumina e brilla sul mare

Tutte queste metafore e simboli è la musica

Del maestro Jordi Bernacer per me

Lui è la gioia di vivere la sua musica,

in lui confluiscono amore, passione, armonia e sensibilità.

Gioia, passione, dedizione, coinvolgimento che ci dona attraverso la sua direzione appassionata,

dove senti vibrare il suo amore per la musica, come una rappresentazione del suo io più profondo

che ci mostra ad ogni nota, senza mai risparmiarsi un sospiro, una carezza alle armonie, il sudore, la fatica,

senza mai limitare il tempo alla sua passione e trasporto per quella magia chiamata musica.

Artista di armonie, direttore di sogni.

Perché lui è musica,

e la musica è la sua strada dell’armonia e della gioia.

 

Serena Amato.

Rigoletto teatro San Carlo di Napoli 2017
Traviata, teatro San Carlo di Napoli 2018
Placido Domingo’s 50 anniversary night arena di Verona 2019
Link del sito ufficiale di Jordi Bernacer, direttore d’orchestra http://www.jordibernacer.com/es/
Link della pagina facebook ufficiale di Jordi Bernacer https://www.facebook.com/JordiBernacer/
XMA Header Image
Jordi Bernàcer
Director. «La música no es ciencia cerrada o disciplina de laboratorio, sino materia viva y sonora para conmover el corazón del hombre» (Carlos Palacio)
Link della mia fan page dedicata a Jordi Bernacer Jordi Bernacer fan club https://www.facebook.com/jordibernacervaldesfanclub/
XMA Header Image
Jordi Bernacer fan club
Serena gestisce questa fan page dedicata interamente al direttore d’orchestra maestro Jordi Bernacer Valdes
XMA Header Image
Sery Operaclassica
youtube.com
Link di instagram di Jordi Bernacer jordibernacer
Link del mio instagram sery_operaclassica

 

 

 

 

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *