Recensione al volume “Mario Daniele, il sogno americano” a cura di Goffredo Palmerini, One Group Edizioni

 

 

Recensione al volume “Mario Daniele, il sogno americano

a cura di Goffredo Palmerini, One Group Edizioni

di Nicola F. Pomponio

TORINO – Un libro può essere prezioso per molti motivi. Perché è antico, perché è scritto in modo elegante e appropriato, perché evocativo di orizzonti sconfinati o perché narra di cose fortemente attinenti a desideri, speranze e anche sconfitte del lettore. E’ uscito in questi giorni per le Edizioni One Group, L’Aquila, il volume “Mario Daniele, il sogno americano”, a cura di Goffredo Palmerini.

Il libro, che qui si presenta, è prezioso per un motivo diverso da questi: “Mario Daniele, il sogno americano” è un testo in cui palpitano un’esperienza e un percorso esistenziale profondamente umani. Esteriormente è la storia, scritta in prima persona, della vita di un emigrante abruzzese negli Stati Uniti, ma leggendo tra le righe, rapportandosi all’autore, è anche la descrizione di un tipo umano particolare ma, in realtà, neanche così raro: l’emigrante che lentamente, lavorando sodo, con tranquillità ma costanza riesce a creare un piccolo impero economico.

Mario Daniele nasce in un borgo in provincia dell’Aquila, Castelnuovo di San Pio delle Camere, dove trascorre la fanciullezza e un’adolescenza segnata, come per quasi tutti i ragazzi della sua generazione, sia dalla scuola sia dal lavoro, diventando un abile trattorista e meccanico. Durante il servizio militare in Aeronautica, nel 1967, viene trasferito in Canada e lì resta, terminata la ferma, pur senza conoscere per niente l’inglese, per poi trasferirsi negli Usa. La sua è una storia, a tratti commovente, di un uomo che con tenacia e un profondo senso del dovere, inizia a lavorare come meccanico, poi nell’edilizia, poi in una pizzeria.

Diventa, col tempo e lavorando tutti i giorni per tutto il giorno, proprietario di più pizzerie e ristoranti per entrare infine, grazie ad un finissimo senso degli affari, con grande successo nel campo immobiliare. Ma al di là delle sue realizzazioni e delle difficoltà incontrate, ciò che colpisce in questa autobiografia è la profonda umanità della persona e dell’ambiente a cui appartiene. Ho detto che talvolta il libro è commovente. Non è un’iperbole: è invece proprio il sentimento che si prova davanti alla descrizione di alcuni momenti privati, come il rapporto con i genitori e il suo paese d’origine, il fidanzamento, i rapporti famigliari, in cui un trattenuto pudore evoca un coinvolgimento emotivo e un calore di emozioni molto profondi e mai esibiti, bensì sempre solo accennati. E per questo motivo ancor più vivaci.

La scrittura dell’autore è una scrittura semplice, di un uomo che ha abbandonato la madrelingua da molti anni – ed è un grande merito del curatore, Goffredo Palmerini, l’aver lasciato parlare Daniele senza interventi “correttivi” – ma proprio per questo ha una sua tranquilla forza, come quella delle lontane montagne d’Abruzzo dove, appena può, ritorna. Sfilano così davanti ai nostri occhi tanti avvenimenti e personaggi che compongono un variopinto e ricchissimo mosaico in cui Mario Daniele s’inserisce con una naturalezza, intuito e umanità talvolta disarmanti.

Ed è proprio quest’ultima caratteristica, l’umanità, un tratto molto presente in tutto il suo percorso, perché il successo negli affari e il raggiungimento di mete impensabili quando, giovane aviere, sbarcava in un paese sconosciuto di cui non comprendeva il linguaggio, sono sempre affiancati da un attento e amorevole sguardo verso i propri concittadini di origine italiana. Tanto da percorrere un vero e proprio “cursus honorum” in organismi internazionali e in un fittissimo scambio di relazioni nel duplice tentativo di valorizzare le risorse italiane e di aiutare i connazionali in America, nelle loro quotidiane difficoltà.

La carica di vice Console è solo una delle tante cariche ricoperte al servizio della comunità italiana e dell’Italia tutta. E, nuovamente, non vi è in ciò alcuna iperbole: si legga dell’impegno profuso per impiantare a L’Aquila una scuola internazionale per il linguaggio dei segni, o il suo lavoro in prima linea nei giorni del disastroso terremoto e si avranno due esempi – ma i casi sono molto più numerosi – della sua fattiva attività a favore degli italoamericani e degli italiani tutti.

Un’ultima annotazione a queste sparse note. E’ da rilevarsi l’ottimo lavoro “redazionale” compiuto dal già citato Goffredo Palmerini, uno scrittore – già stimato amministratore civico a L’Aquila per quasi un trentennio – che ha grande confidenza con il mondo dell’emigrazione italiana. E’ lui ad aver raccolto e sistemato gli appunti di Daniele, senza mai tradirne la freschezza e la genuinità originaria. Palmerini, ambasciatore d’Abruzzo nel mondo nonché giornalista assai noto all’estero, ha arricchito il volume con una serie di puntuali interventi che ben contestualizzano la vita di Mario Daniele, evidenziando in tal modo la rilevanza della sua attività e dei suoi successi.

Insomma un libro che si legge con piacere e che fa molto riflettere, anche grazie al corposo e prezioso apparato fotografico che lo completa. A breve uscirà una traduzione inglese. Ciò è utile e significativo perché permetterà agli italoamericani di conoscere da vicino questo percorso di vita rinsaldando, si spera, non solo i rapporti interni alla comunità, ma anche i rapporti con quell’Italia che può essere fiera di persone, e sono tante, come quel giovane emigrante che, senza saperlo, più di 50 anni fa iniziava un’avventura così ricca di soddisfazioni. Buona lettura!

***

Mario Daniele è nato a Castelnuovo di San Pio delle Camere (L’Aquila) il 12 maggio 1946. Poco più che adolescente mette in luce un talento imprenditoriale, con l’avvio di varie attività a Castelnuovo. Nel 1966, in servizio di leva nell’Aeronautica, negli ultimi sei mesi di servizio militare viene inviato in Canada, come meccanico. Vi resta dopo il congedo. Si trasferisce poi negli Stati Uniti, dove da oltre mezzo secolo opera in vari campi di attività commerciale e imprenditoriale, dapprima nell’area di Detroit e dal 1974 a Rochester, nello stato di New York. Attività che negli ultimi anni si sono estese anche in Florida. Oltre che imprenditore – nei settori della ristorazione, costruzioni, immobiliare, commerciale, alberghiero, import e servizi – Mario Daniele è fortemente impegnato in campo sociale, comunitario e istituzionale, in ruoli di significativo rilievo. Per oltre 15 anni è stato Vice Console onorario d’Italia a Rochester. Intenso il suo impegno anche in campo filantropico e nella solidarietà. Numerosi gli incarichi di rappresentanza e responsabilità ricoperti (presidente Italian American Cultural Center, esponente Istituto europeo Robert Schuman in Usa, NIAF, Rotary International, Muscolar Dystrophy Association, amministratore ospedale Unity Behavioral Health, presidente Humanitas, ed altri). Diversi riconoscimenti gli sono stati conferiti negli Stati Uniti e in Italia (Ellis Island Medal of HonorPremio Zimei, Premio Valigia di Cartone) e segnalano la stima e il prestigio che Mario Daniele ha conquistato sul campo nel corso della realizzazione del suo sogno americano. Sposato dal 1969 con Flora Gasbarre, hanno due figli, Anthony e Danny, e cinque nipoti. 


Goffredo Palmerini, nato a L’Aquila il 10 gennaio 1948, è giornalista e scrittore. Scrive su giornali e riviste in Italia e sulla stampa italiana all’estero. E’ nella redazione di numerose testate giornalistiche in Italia, inoltre collaboratore e corrispondente presso diversi giornali all’estero e importanti agenzie internazionali. Ha pubblicato i volumi “Oltre confine” (2007), “Abruzzo Gran Riserva” (2008), “L’Aquila nel mondo” (2010), “L’Altra Italia” (2012), “L’Italia dei sogni” (2014), “Le radici e le ali” (2016), “L’Italia nel cuore” (2017), “Grand Tour a volo d’Aquila” (2018), “Italia ante Covid” (2020). Numerosi premi e riconoscimenti internazionali gli sono stati conferiti per l’attività in campo giornalistico – il XXXI Premio Internazionale Emigrazione sezione Giornalismo (2007), il Premio internazionale di Giornalismo “Gaetano Scardocchia” (2017), il Premio Giornalistico Nazionale “Maria Grazia Cutuli” (2017), il Premio Giornalistico dell’Anno 2017 dall’Associazione Stampa italiana in Brasile, il Premio internazionale “Fontane di Roma” (2018) – e in campo culturale il Premio Internazionale “Guerriero di Capestrano” (2008), il Premio Speciale “Nelson Mandela” per i Diritti Umani (2014), il Premio Nazionale Pratola per la Letteratura (2020), e diversi altri riconoscimenti. 

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *