Premio internazionale ”Luigi Centra” appena assegnato al cantante George Aaron

 

19059703_10211858478084818_2895412662537705518_n19030356_10211858478164820_3202335158606333024_n

Si è da poco concluso il ”Premio Luigi Centra” che ha lo scopo di premiare i talenti di tutte le arti. Premio che è nato dall’idea dell’artista Luigi Centra ed ha assunto un valore internazionale.Quest’anno fra gli illustri premiati anche il cantante  George Aaron.
 Nella meravigliosa cornice della Riviera del Brenta, tra ville antiche, sole e natura straordinaria si è svolto il prestigioso “premio Internazionale Luigi Centra”. Ha visto riconosciuti diversi talenti nelle arti, pittori, scultori, produttori cinematografici, attori e cantanti. Tra i premiati spicca George Aaron cantante che ha scritto assieme ad altri la storia della dance italiana ma che limitare alla sola disco music sarebbe riduttivo. L’artista vicentino, che nel corso della sua carriera ha venduto milioni di dischi e cantato in tutto il mondo.George Aaron infatti si presenta oggi al suo pubblico con un repertorio maturo, ricco non solo dei suoi successi dance ma anche di raffinate interpretazioni di grandi classici della musica, da Elvis Presley a Frank Sinatra non tralasciando i Beatles, I Queen e George Michael.
Nel corso della premiazione George ha voluto ricordare un amico scomparso, il grande Little Tony, intonando con il solo accompagnamento del battere di mani del pubblico l’indimenticata Cuore Matto dimostrandosi ancora una volta un genuino talento canoro.
L’organizzazione del premio ha voluto ricordare, oltre ai trascorsi musicali di George (Al secolo Giorgio Aldighieri) anche il pro zio del cantante, il famoso baritono Gottardo Aldighieri amatissimo da Verdi e Ponchielli per le sue quattro ottava di estensione vocale che ha lasciate in eredità al bis nipote Giorgio, anche lui capace di spaziare da brani baritonali a canzoni tenorili.
George ha voluto ricordare che è in uscita in questi giorni il suo nuovo singolo, inciso in coppia con il collega ed amico di sempre Bobby Solo, dal titolo RUSSIAN LADIES.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *