FIUGGI, LA GRANDE FESTA DELLO SPETTACOLO ITALIANO

 

FIUGGI, LA GRANDE FESTA DELLO SPETTACOLO ITALIANO
Riconoscimenti a Mariano Rigillo, Elena Cotta, Lisa Ferlazzo Natoli, Stefano Reali, Marco Carniti, Rachele Buriassi, Gerardo Porcelluzzi, Eva Coen, il Coro del Tempio Maggiore di Roma e ai Ragazzi del Cinema America.
Sabato 13 luglio, alle ore 21:30, presso il Giardino Excelsior di Fiuggi Città, di scena una serata dedicata al teatro, al cinema, alla musica, alla scenografia, alla regìa lirica e alla danza con la consegna del ‘Premio Fiuggi per lo Spettacolo-Europa alle Fonti‘. L’ambito riconoscimento di questa edizione va a Mariano Rigillo e Lisa Ferlazzo Natoli per il teatro, a Marco Carniti per la regìa lirica, ad Elena Cotta per il cinema, a Rachele Buriassi e Gerardo Porcelluzzi per la danza, ad Eva Coen per le scene e i costumi, al Coro ebraico del Tempio Maggiore di Roma per la musica. Un riconoscimento speciale offerto dalla Municipalità di Fiuggi ai ragazzi del Cinema America di Roma.
La manifestazione, nata e voluta negli anni ’90 da Pino Pelloni e da Ugo Ronfani nell’ambito del Festival Internazionale FiuggiPlateaEuropa, e che ha visto protagonisti tra i tanti Alberto Lionello, Joao Cesar Monteiro, Franca Nuti e Giancarlo Dettori, Lindsay Kemp, Andrea Camilleri, è stata recuperata e riproposta oggi da Pino Pelloni, sotto l’egida della Fondazione Levi Pelloni, con l’intento di rilanciare l’immagine della Fiuggi turistica e termale.
Il nobile intento di creare una vetrina per il mondo dello spettacolo, da proporre anche negli anni a venire, non gode di alcun finanziamento pubblico ma dell’apporto della Fondazione Levi Pelloni, della Federalberghi di Fiuggi, dell’Associazione Art and Passion e dell’ausilio tecnico di MediaEventi. Soprattutto dell’adesione e dell’affetto del pubblico termale. “In questi nostri desolati anni– ha detto Pino Pelloni – recuperare una doverosa attenzione nei riguardi del mondo della scena italiana è un dovere civile. Questo annuale appuntamento nella cittadina termale di Fiuggi serve a far conoscere i personaggi e le proposte che artisti di fama collaudata e giovani pionieri della sperimentazione offrono ad un pubblico che va riconquistato nel segno della civiltà del nostro Paese”.

 


Sebastiano Catte
Agenzia Comunica

 

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *