INTERVISTA A ANTHONY PETH (conduttore televisivo italiano)

13254543_10209067340948509_7004312101535765476_n

Anthony Peth e la Tv generalista

Dalla regia alla conduzione, la conferma del nuovo conduttore televisivo lo dimostrano gli ascolti di Top Music. Sardo di origine, bello e simpatico, alcune delle caratteristiche che rendono Anthony Peth originale nel suo genere, al timone di “Top Music” scritto da Stefano Delle Cave, dimostra ancora una volta la sua bravura nella conduzione di programmi televisivi adatti ad un pubblico di ogni età. Fresco vincitore del premio Apoxiomeno, Anthony si racconta per Ecosiciliano.

Anthony che ne pensi dell’attenzione del pubblico che premia i tuoi programmi, seguiti da tantissime persone?
Sono tanto felice di ricevere così tanto affetto dalle persone, spesso incominci una nuova avventura tv e non ai mai come va a finire, ma la musica piace a tutti e quindi con la semplice portata di un click, la classifica dei nostri beniamini musicali è alla portata di tutti, con ritmo divertente e giocoso ogni Lunedì alle 20.0 su Star Sat (Sky).

Ecco una veste da conduttore, ma sappiamo che non è l’unico progetto telvisivo che stai seguendo.

Sto seguendo diversi progetti, uno fra questi “Elegance World” prodotto da Luca Conti Taguali in collaborazione con la Camera della moda e del costume; Un progetto brillante e ricco di storie da scoprire, le storie degli stilisti che si mettono in gioco con le loro creazioni… un tour che mi permette anche di scoprire luoghi e dimore storiche dove spesso svolgiamo il fashion show.

Il successo premia, come quello che hai ottenuto da poco con la vittoria del David di Michelangelo per la Tv, tanti numerosi riconoscimenti, fino ad arrivare al prestigioso Apoxiomeno.
Ogni premio per me è una grande emozione, con quest’ultimo riconoscimento sono ancora più felice e onorato di riceverlo. Un premio a cui ne vado fiero, legato alla solidarietà, per cui mi batto tanto, con diverse associazioni, non basta mai quello che facciamo per gli altri meno fortunati di noi, come posso mi dedico in prima persona al volontariato ma soprattutto mi fa stare bene farlo, e se una cosa mi rende sereno è proprio aiutare il prossimo come posso.

Quanto è importante per te questo tour legato al Made in Italy?

Per me il Made in Italy è molto importante da due anni a questa parte, dopo un tour ricco di tappe in giro pr il Mondo, mi ritrovo al timone di diverse manifestazioni, come il Doc Italy dove vengono premiate eccellenze agroalimentari e non solo, fino ad arrivare a Passerella da Sogno di Daniela Valenzi, dove prevale la moda, quella dei giovani stilisti che, davanti ad una giuria di esperti possono misurare il loro potenzialità mettendosi in gioco; Oltre alle eccellenze del Made in Italy mi diverto nel conoscere le eccellenze artistiche del nostro bel Paese, attraverso il tour del Premio Musa d’Argento diretto da Lucia Aparo mi rendo conto di quanti artisti, dai più grandi ai più piccoli, riescono ad esprimere il loro talento, per me sono anche loro il fiore all’occhiello della nostra amata Nazione, vanto fra i primati in tutto il mondo.

Insomma un anno ricco di impegni.. Come ti vedi fra dieci anni?

Come mi vedo… il mio futuro me lo immagino come oggi, poche ore di sonno, tanta adrenalina e sempre alla ricerca di emozioni nuove che mi fanno stare sereno e allo stesso tempo pronto a nuove sfide..

SAX_0671

anthony peth e lucia aparo premio mussa d'argento

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *