Serena conduce Operaclassica Eco Italiano

Serena intervista Mariano Bauduin, regista

MARIANO BAUDUIN

Napoletano, per vent’anni collaboratore di Roberto De Simone, con il quale approfondisce gli ambiti musicologici, etno-antropologici, teatrali e letterari. È stato regista collaboratore per moltissime produzioni tra cui L’impresario in angustie di Cimarosa, Osteria di Marechiaro di Paisiello, Trittico di Puccini, Eden Teatro di Viviani, Combattimento e storia di un soldato di Monteverdi-Stravinskij, Ratto dal serraglio di Mozart, Re Bello di De Simone, Cantata per la gran Madre di Dio di Jommelli, La donna vendicativa di Goldoni, Socrate immaginario di Paisiello, Là ci darem la mano di De Simone (Premio ETI 2008), Lo vommaro a duello (NTFI 2008), Falstaff di Verdi e Turandot di Puccini. Come assistente musicale ha curato i concerti Concerto per Caterina II a cura di Roberto De Simone, Cantate per San Gennaro di Paisiello e Cimarosa, Quem vidistis pastores di Giordano, Specula et Gemini di De Simone e Tommaso, La funzione del centenario, “Era” di maggio e Requiem in memoria di Pier Paolo Pasolini, ancora di Roberto De Simone. Ha

collaborato alle edizioni di tanti libri di De Simone: Le guarattelle (Franco di Mauro edizioni), Il Bambino Gesù (FMR edizioni), Il presepe popolare napoletano (Einaudi edizioni), La tradizione musicale e rituale in Campania (Squilibri, Accademia di Santa Cecilia edizioni), Satyricon ’44 (Einaudi edizioni), Cinque voci per Gesualdo, come autore del capitolo “Diario di un’inchiesta”,

(Einaudi Teatro edizioni) e al libro di Fiorillo, Don Giovanni sulla scena.

È stato autore e regista degli spettacoli: Canto e scanto per San Gennaro (Premio Terenzio Gargiulo 2006), Il silenzio muore senza lutti con Edoardo Sanguineti, Cantata per lo sposalizio del Principe di Sansevero (Napoli Teatro Festival 2008), La serva padrona di Pergolesi (Teatro di San Carlo 2011), Marechiaro waiting for the moon con le musiche di Roberto De Simone (Benevento

2011), The Beggar’s Kapellmeister (NTFI 2012), L’isola disabitata (Teatro di Corte di Palazzo Reale di Napoli 2015). Ha curato la regia per le riprese degli spettacoli: Don Giovanni di Mozart (Teatro ABAO di Bilbao), Socrate immaginario di De Simone- Paisiello (Teatro alla Scala), Gianni Schicchi di Puccini (Teatro di San Carlo), Don Pasquale di Donizetti (Teatro di San Carlo), Les vêpres siciliennes di Verdi (Teatro di San Carlo), Turandot di Puccini (Teatro dell’Opera di Roma e Teatro di San Carlo), Il barbiere di Siviglia di Rossini (Teatro di San Carlo – Opera Royal di Muscat). Ha insegnato “Storia della scenografia e della regia” presso il centro di perfezionamento “Techne” e “Formart” diretto da Ruggero Cappuccio. Nel 2012 crea “Gli Alberi di Canto Teatro”, una compagnia teatrale in cui si coniugano tradizione e innovazione, musica colta e musica popolare, ricerca e conservazione della memoria. Ha pubblicato per la collana Einaudi Teatro un racconto su Carlo Gesualdo e su Jack lo squartatore. Nel 2012 vince il premio “Sipario- La Nuova Critica 2012” nella sezione musicale. Attualmente è direttore artistico del “Beggars’ Theatre – Il Teatro dei Mendicanti”.

 

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *