Serena conduce Operaclassica Eco Italiano

Ravello, 1 agosto 2020

Il quartetto di Cremona a Ravello

ambasciatori italiani nel mondo

Al Ravello Festival 2020 è tempo di musica da camera con la partecipazione del più famoso quartetto d’archi italiano nel mondo, il Quartetto di Cremona. 

Cristiano Gualco, Paolo Andreoli (violini), Simone Gramaglia (viola) e Giovanni Scaglione (violoncello) debutteranno sul Belvedere di Villa Rufolo domenica 2 agosto (ore 20.30) con un programma interamente beethoveniano: Quartetto per archi in fa minore op.95 “Serioso” e il Quartetto per archi in mi minore op.59 n.2 “Razumovsky”. 

Fin dalla propria fondazione nel 2000, il Quartetto di Cremona si è affermato come una delle realtà cameristiche più interessanti a livello internazionale ed è regolarmente invitato a esibirsi nei principali festival e rassegne musicali in Europa, Sudamerica, Stati Uniti e in Estremo Oriente, riscuotendo unanimi consensi di pubblico e critica. 

Dopo aver ricevuto il “BBT Fellowship” nel 2005, al Quartetto di Cremona è stato assegnato il “Franco Buitoni Award 2019” da parte del Borletti Buitoni Trust, per il costante contributo alla promozione e alla diffusione della musica da camera in Italia e nel mondo.

In campo discografico, nel 2018, si è conclusa la pubblicazione dell’integrale dei quartetti di Beethoven: gli otto volumi hanno ottenuto prestigiosi premi discografici (tra cui Echo Klassik 2017 e ICMA 2018) e importanti riconoscimenti dalla critica specializzata. Nella primavera 2019, con la partecipazione del violoncellista Eckart Runge, è uscito un doppio CD dedicato a Schubert, accolto in maniera entusiastica dalla critica internazionale.

Per info 089858422 boxoffice@ravellofestival.com

Domenica 2 agosto

Belvedere di Villa Rufolo, ore 20.30

Quartetto di Cremona

Cristiano Gualco, Paolo Andreoli, violini

Simone Gramaglia, viola

Giovanni Scaglione, cello

Musiche di Beethoven

Posto unico €25

Programma

Ludwig van Beethoven

Quartetto per archi in fa minore op.95 “Serioso”

Quartetto per archi in mi minore op.59 n.2 “Razumovsky”

 

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *