Serena conduce operaclassica eco italiano.

Al via il restauro del sipario storico del Teatro di San Carlo

Il Parnaso del Mancinelli

unico esempio di sipario originario al mondo

 

Al via oggi venerdì 30 aprile 2021 i lavori di restauro del sipario storico del Teatro di San Carlo raffigurante il Parnaso, opera di Giuseppe Mancinelli, unico esempio di sipario originario ancora esistente al mondo.

Mancinelli, napoletano, figura di spicco della sua epoca a livello nazionale, lo realizzò nel 1854.

Il Parnaso, questo il titolo dell’opera, rappresenta simbolicamente il luogo che secondo la mitologia greca era consacrato al culto di Apollo e delle Muse. Su questo sfondo ritroviamo disposte l’antica civiltà greco-romana e quella moderna italiana, nei loro massimi rappresentanti: tra essi Omero, Saffo, Erodoto, Socrate, Eschilo, Aristofane, Virgilio, Dante, Petrarca e Boccaccio, solo per citarne alcuni.

L’opera suscitò grande interesse tanto da motivare nello stesso 1854 l’edizione di una Descrizione del Sipario del Real Teatro di S. Carlo dipinto da Giuseppe Mancinelli, direttore della Scuola di Disegno nel R. Istituto di Belle Arti.

 

“Sono felice che sia partito il restauro conservativo di un’opera unica come il sipario del Mancinelli – afferma il sovrintendente del Teatro di San Carlo Stéphane Lissner –  la cui bellezza potremo riammirare presto assieme allo splendore di tutta la sala del San Carlo.”

 

Il sipario storico del San Carlo – largo 17 metri e alto 12 metri – è parte integrante della sala del teatro assieme al velario di Giuseppe Cammarano ed è stato restaurato una prima volta nel 1987 e successivamente nel 2011.

Il restauro è reso possibile grazie all’impegno e alla sensibilità di un mecenate come Philippe Foriel -Destez, già da tempo affezionato sostenitore del San Carlo.

 

Grazie ad una sinergia istituzionale tra la Fondazione Teatro di San Carlo, la Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per il comune di Napoli e il Provveditorato Interregionale OO.PP. per la Campania, il Molise, la Puglia, la Basilicata ed il Molise, sono partiti dunque i lavori di restauro di un’opera dall’ alto interesse storico-artistico.

Il Direttore dei lavori è Dr.ssa Barbara Balbi della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Napoli mentre Responsabile Unico del Procedimento è il Direttore generale del San Carlo Emmanuela Spedaliere.

Le operazioni di restauro, affidate all’impresa Ambra Restauri, sono volte a restituire bellezza e funzionalità a un’opera fortemente identitaria per il Lirico di Napoli.

 

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *